Comunità ungherese in Ucraina

In un recente articolo, abbiamo trattato delle motivazioni storiche del rapporto contraddittorio tra Ucraina e Ungheria. Oggi abbiamo fatto alcune domande al politologo russo Eduard Popov sulle relazioni tra questi due Paesi e sulla loro importanza per l’Europa. Nel periodo 2009-2014, Popov è stato a capo del Centro regionale di Rostov dell’Istituto russo di studi strategici, e i suoi articolo sull’Ucraina, sul Donbass e sull’Europa orientale vengono pubblicati dalla stampa russa e americana.

Il rapporto tra Ungheria e Ucraina è un problema solo per questi due Paesi? Perché questo problema dovrebbe interessare il lettore in Italia e in Europa in generale?

Immagino che la problematica delle relazioni ungheresi-ucraine sia poco familiare al lettore italiano (probabilmente, è un po’ più conosciuta in Russia). Al contempo, la “chiave” ungherese per l’Ucraina ha forse un significato maggiore per l’Unione Europea che per la Russia. Ma ne parleremo più avanti. Oggi, dei quattro Paesi dell’UE che confinano con l’Ucraina, è il vicino ungherese a dare all’Ucraina i peggiori “mal di testa”. In una delle mie interviste, ho suggerito la seguente formula: l’Ungheria e il suo capo, il Primo ministro Viktor Orbán, sono il nemico numero due dell’Ucraina. Il nemico numero uno sono, ovviamente, la Russia e Vladimir Putin.

Non si tratta di un’esagerazione? Cosa ha causato questo rifiuto dell’Ungheria da parte dell’Ucraina? È reciproco o è un processo a senso unico?

Invece di una risposta diretta alla Sua domanda, darò un esempio illustrativo. Il 29 luglio, l’ambasciata ungherese in Ucraina ha annunciato l’annullamento della visita ufficiale del Primo ministro ungherese Viktor Orbán in Ucraina, prevista per la fine di luglio. Questa visita è rinviata a un futuro indefinito, dopo che le “questioni problematiche delle relazioni bilaterali” saranno state risolte. L’ambasciatore della Repubblica ungherese in Ucraina, il signor Istvan Idyarto, chiarisce questi “problemi”: “I più sensibili sono gli argomenti relativi all’uso della lingua, e in particolare l’educazione”. Suppongo che un osservatore imparziale possa vedere dalla citazione sopra che il “rifiuto” dell’Ungheria e dell’Ucraina è reciproco.

Il rifiuto del capo dello Stato europeo di visitare un Paese vicino, e anche con una formulazione così aspra, è una specie di schiaffo diplomatico nei confronti dell’Ucraina. Per quanto riguarda la parte sostanziale del messaggio dell’ambasciatore, secondo me, la questione della lingua e dell’educazione non è nemmeno l’argomento più doloroso. L’Ungheria utilizza in modo molto competente l’argomentazione della preservazione dei diritti etnico-culturali della minoranza ungherese in un dialogo ineguale con l’Ucraina, ma persegue altri obiettivi molto più strategici. La lingua e l’educazione sono più uno strumento che un obiettivo.

In cosa consiste l’essenza di queste “problematiche” nel campo della lingua e dell’educazione?

La comunità ungherese di 150.000 persone nella regione ucraina della Transcarpazia (Kárpátalja in ungherese) è stata violentemente ucrainizzata. Un elemento importante di questa politica è la legge sull’istruzione adottata dalla Verkhovna Rada dell’Ucraina il 5 settembre 2017. Le disposizioni di legge stabiliscono che, dalla quinta elementare, i bambini delle minoranze nazionali devono studiare in ucraino e studiare la loro lingua madre come materia separata. La legge era diretta contro i russi, l’oggetto principale della politica di assimilazione ucraina. Ma anche altri gruppi etnici rientrano nella legge. In particolare, la Commissione di Venezia (un organo consultivo del Consiglio d’Europa, ndr) ha sottolineato le violazioni dei diritti etnico-culturali di questi gruppi da parte della nuova legge ucraina. Giuseppe Mazzini aveva detto parole meravigliose: “Abbiamo creato un’Italia unita. Ora dobbiamo creare un unico popolo italiano”. L’Ucraina è uno Stato artificialmente assemblato dai leader comunisti sovietici con regioni di diverse civiltà storico-culturali. Una nazione ucraina unita è un mito e allo stesso tempo l’obiettivo dei nazionalisti ucraini.

In che modo l’Ungheria può rispondere alla politica di infrazione etnico-culturale nei confronti della minoranza ungherese nella regione della Transcarpazia?

Gli ungheresi sono un popolo con una lunga esperienza nella gestione dello Stato, una ricca esperienza di vita come parte di Imperi stranieri (austriaco, ottomano) e di Stati nazionali. In Ucraina, gli ungheresi hanno creato due partiti nazionali, e l’educazione nella loro lingua madre viene svolta con i soldi dello Stato madre. Gli ungheresi della Transcarpazia hanno l’opportunità di ricevere un’istruzione superiore gratuita in Ungheria. I rappresentanti della comunità ungherese sono fortemente ostili al nazionalismo ucraino. Sul territorio della regione della Transcarpazia, nel 2014, vi sono stati scontri tra gli ungheresi locali e militanti di formazioni ucraine di estrema destra portati dal territorio delle regioni vicine dell’Ucraina occidentale. Questi misero in scena processioni di fiaccolate di estrema destra a Uzhgorod al grido di “Magyar (ungheresi) ai coltelli!”

Questa è una parafrasi del “classico” slogan dei neonazisti ucraini: “Moscoviti (russi) ai coltelli!” Nella Repubblica Popolare di Donetsk, i volontari ungheresi hanno formato una piccola “Legione di Santo Stefano”, che ha combattuto contro il regime ucraino. Sotto la pressione di Orbán, le autorità ucraine hanno permesso agli ungheresi arruolati nell’esercito ucraino di servire solo sul territorio della regione della Transcarpazia. Pertanto, i cittadini ungheresi dell’Ucraina percepiscono la guerra nel Donbass come quella di qualcun altro. Tuttavia, la principale arma politica – penso che questa sia una definizione ammissibile – che l’Ungheria ha nel suo dialogo con l’Ucraina è diversa.

Cos’è quest’arma? Quanto è efficace per Ungheria nei confronti dell’Ucraina?

Budapest ha ufficialmente due strumenti molto efficaci nelle sue mani. Il primo è la politica di certificazione. L’Ungheria ha rilasciato passaporti agli ungheresi per diversi anni, nonché ai residenti della regione della Transcarpazia che hanno dimostrato che i loro antenati erano cittadini dello Stato ungherese prima della Seconda Guerra Mondiale. Dai nativi della regione, ho sentito di numeri tra i 300 e persino 600 mila. Come ritengono gli esperti con cui ho discusso di questo problema, la cifra di 200 mila è la minima e la più probabile. In altre parole, tutti gli ungheresi adulti della regione della Transcarpazia hanno ricevuto il passaporto dello Stato madre. Per una regione con una popolazione di 1 milione e 250 mila persone, al confine con quattro Paesi stranieri, la cifra è significativa, è necessario concordare.

La maggior parte dei miei conoscenti ruteni della regione della Transcarpazia che vive nei Paesi dell’UE possiede un passaporto ungherese. L’Ucraina ha paura dell’espansione strisciante dell’Ungheria in Transcarpazia, perché per mille anni questa terra ha fatto parte dello Stato ungherese, o è stata sotto il controllo dell’élite ungherese. Ma l’Ucraina ha paura di toccare gli ungheresi, che hanno alle spalle la potenza politica dell’Unione europea. Con il secondo strumento, invece, l’Ungheria sta giocando sull’interesse dell’Ucraina per l’adesione alla NATO. È in questo settore che i problemi delle relazioni ungheresi-ucraine cessano di essere locali e acquistano un significato europeo generale.

Può spiegare in che modo l’interesse dell’Ucraina per la NATO svolge un ruolo così significativo nel destino dell’Europa?

Lo statuto non allineato del Paese è indicato nella costituzione dell’Ucraina. Tuttavia, dopo il colpo di stato del 21 febbraio 2014, l’Ucraina aspira apertamente alla NATO. Le sue aspirazioni sono supportate sia dalla direzione dell’Alleanza (su cui il segretario generale NATO Stoltenberg ha fatto dichiarazioni) sia dagli Stati Uniti. L’ingresso dell’Ucraina nell’Alleanza sconvolgerà il già fragile equilibrio di forze e interessi in Europa e svaluterà letteralmente il sistema di difesa nazionale russo. L’ingresso dell’Ucraina nella NATO equivale a dichiarare guerra alla Russia. Pertanto, il costo del problema è troppo elevato. L’Ucraina non otterrà nulla da questa appartenenza; al contrario, si trasformerà in un campo di addestramento per una futura guerra tra Russia e NATO.

Inoltre, l’Ucraina attirerà in questo confronto l’Unione Europea, i cui membri sono anche membri della NATO. Gli Stati Uniti saranno i soli beneficiari di questa situazione: sacrificando l’Ucraina, indebolirebbero il sia nemico ufficiale della Russia che il nemico semi-ufficiale – un’Europa unita che, con la sua potente economia, compete con successo con l’economia americana. Il comportamento “ostinato” dell’Ungheria, che sta bloccando (sulla base della Carta della NATO) l’ingresso dell’Ucraina nell’Alleanza, indebolisce oggettivamente “su approcci distanti” la prospettiva di una grande guerra europea. Il principale banco di prova per il quale rischia di diventare l’Ucraina.

Silvia Vittoria Missotti

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome