Russia-Occidente: Lavrov chiede rispetto, la Merkel accelera sul Nord Stream 2

Sergej Lavrov

Lavrov chiede rispetto ai partner occidentali, ma malgrado le intese su economia e sicurezza l'Occidente non rinuncia alla propaganda antirussa. È ormai una mossa per tenere buoni establishment e lobby di potere.

Isychos, ex Viceministro della Difesa greco: “Oggi la NATO è la mano armata dell’1% delle oligarchie occidentali”

Costas Isychos

Costas Isychos, ex Viceministro della Difesa nel governo Tsipras in Grecia ha rilasciato alcune dichiarazioni a l'Opinione Pubblica. Dalla politica della NATO al ruolo della Turchia in Siria alla situazione economica greca in relazione alle sanzioni contro la Russia, sono gli argomenti che abbiamo trattato in questa piacevole intervista.

Carnogursky, ex Primo Ministro slovacco: “Kiev non dovrebbe cercare di mantenere il Paese più centralizzato di quanto lo desiderino le province”

Jan Carnogursky

Sul tema delle spinte separatiste in Ucraina e sull'immigrazione in Europa abbiamo fatto alcune domande a Ján Čarnogurský, ex Primo Ministro slovacco.

Sanzioni Russia, Bertot (FI): “L’unica strada è quella del dialogo internazionale”

fabrizio bertot

Bertot, Europarlamentare di Forza Italia, sul silenzio sulla guerra nel Donbass: "Il fatto che ci sia una guerra a mille chilometri di distanza dai confini italiani non è accettabile dall'opinione pubblica, quindi è meglio non farcelo sapere".

Incontro con Aksyonov, capo della Crimea: i progressi della penisola dal ritorno alla Russia

Sergej Aksyonov

Sergey Aksyonov, capo della Repubblica di Crimea: "Possiamo vivere bene senza riconoscimento internazionale. La Crimea è un soggetto della Federazione Russa e noi non soffriamo per non essere riconosciuti da nessun Paese occidentale."

Donbass, è emergenza umanitaria. Il caso del piccolo Matvej

Donbass, il caso del piccolo Matvej

La guerra del Donbass dal 2014 non significa solamente bambini morti, feriti e mutilati. Significa per la popolazione locale anche una drammatica mancanza di risorse, come nel caso del piccolo Matvej, un bambino di due anni che rischia di rimanere sordomuto.

L’Ucraina a quattro anni dall’Euromaidan: tra crisi e menzogne

Euromaidan

Quattro anni dopo il movimento di protesta di Euromaidan, l'Ucraina appare in crisi economica e in via di disfacimento. Intanto grazie al lavoro del portale "Occhi della Guerra" sarebbe emersa finalmente la verità sui cecchini che colpirono durante le proteste di febbraio 2014: non erano membri della polizia di Yanukovich.

Crimea, nuovo passo verso il riconoscimento

Crimea

Nasce l'Associazione internazionale "Amici della Crimea", volta a promuovere la verità sulla vita nella penisola russa ed il diritto dei popoli all'autodeterminazione.

Crimea: la storia della penisola dai tempi antichi al giorno d’oggi

Storia della Crimea

La storia della Crimea tra antichità, epoca moderna e contemporanea; dall'epoca post-sovietica al referendum.

Ucraina: Poroshenko difende l’imposizione della lingua ucraina in tutto il paese

Poroshenko lingua ucraina

Le parole di Poroshenko a difesa della lingua ucraina appaiono come un disperato tentativo di riguadagnare consensi nel paese. Ma sia l'opinione pubblica popolare che i poteri forti fuori e dentro Kiev sembrano non vedere l'ora che passi la mano. L'ex presidente georgiano Saakashvili e l'ex presidente ucraino Tymoshenko lo aspettano al varco e guidano l'opposizione.

   

PRIMA PAGINA

SEGUICI SU

0FanLike
31FollowerSegui
0FollowerSegui
1,464FollowerSegui
20IscrittiIscriviti

EDITORIALE