CONDIVIDI
Vladimir Putin compie 65 anni: è l'uomo che ha rivoluzionato la Russia

Il presidente della Banca di Russia, Elvira Nabiullina, ha dichiarato che l’inflazione in Russia, all’inizio del 2018, sarà al 3%, per poi assestarsi attorno al 4% entro la fine del prossimo anno. Il 4% è appunto l’obiettivo del governo russo.

“L’inflazione sarà al 3% circa nei primi mesi del 2018. Secondo la nostra stima, l’inflazione si avvicinerà al 4% nella seconda metà dell’anno, in quanto l’influenza dei fattori temporanei di quest’anno svanirà”, ha infatti dichiarato il banchiere.

“Il successo della nostra agricoltura ha svolto un ruolo chiave nella riduzione, così significativa, dell’inflazione: l’aumento annuale dei prezzi dei prodotti alimentari a novembre è stato appena dell’1,1%”, ha affermato.

“Gli effetti associati al grande raccolto del 2017 verranno gradualmente esauriti: nella prima metà del 2018, questo fattore continuerà a influenzare il livello dell’inflazione annuale, verrà completamente esaurito solo nel terzo trimestre”, ha aggiunto Nabiullina.

“Secondo la nostra stima, l’effetto dell’aumento del rublo sull’inflazione nel 2017 è dell’ordine dell’1% o leggermente inferiore all’1%, [l’effetto del] raccolto è leggermente inferiore allo 0,5%”, ha detto il banchiere.
L’apprezzamento del rublo sta ancora frenando l’inflazione e il suo effetto si esaurirà all’inizio del 2018, osserva Nabiullina.

“L’apprezzamento del rublo è un altro fattore che continua a tenere a freno l’inflazione, fino ad ora, soprattutto nella prima metà di quest’anno, il cui effetto si è quasi completamente riflesso nei prezzi e sarà completamente esaurito all’inizio del 2018”, ha affermato Nabiullina.

Intanto la Banca Mondiale ha previsto una crescita del Prodotto Interno Lordo dell’1,7% per il prossimo anno e per l’1,8% per il 2019.

Ciò dimostra che, nonostante le sanzioni volute dagli Usa contro la Russia, l’economia continua a crescere e non ne risente. E adesso, la Gran Bretagna si è ridotta a dover elemosinare forniture di gas naturale russo, per non restare al gelo.

Le sanzioni, volute dagli USA e dai suoi satelliti più importanti, e poi imposte a tutti i Paesi UE, non hanno quindi sortito effetti importanti e duraturi sull’economia russa, danneggiando più i Paesi occidentali, che Mosca.

 

Massimiliano Greco

CONDIVIDI

Nato a Siracusa, si occupa prevalentemente di politica estera e strategia. Ha scritto “Battaglia per il Donbass” (Anteo Edizioni, 2014)
https://pagineirriverenti.wordpress.com/

UN COMMENTO

  1. se pensavamo noi Occidentali di annientare la Russia ….questi sono i risultati !!!…invece disastrosi per noi!!!…..sudditi degli Americani , le sanzioni hanno avuto effetto negativo sull Italia!!!…togliamoci dalla Nato ,via gli Americani dal nostro paese…via…..

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here