Grudinin

Il 18 dicembre scorso, in Russia, è stata lanciata la campagna per le elezioni presidenziali. Anche se tutti gli esperti di politica prevedono la vittoria incondizionata del presidente Vladimir Putin nel primo turno, le elezioni non si prevedono certamente noiose. La principale sorpresa di queste elezioni è il nuovo candidato comunista Pavel Grudinin.

La rinuncia a sorpresa di Zjuganov

Alla fine di dicembre, il Partito Comunista della Federazione Russa (KPRF) ha tenuto un primo plenum (riunione della direzione del partito) e subito dopo un congresso straordinario, vista la partecipazione di delegati provenienti da tutti gli uffici regionali del partito. I delegati hanno tenuto le primarie e hanno scelto il candidato più degno di partecipare alla campagna presidenziale.

Gennady Zyuganov, pur godendo di un ampio margine di popolarità, ha improvvisamente rinunciato alla nomina e ha esortato i membri del partito a sostenere Grudinin. Prima il plenum e poi il congresso hanno votato per questa candidatura. Ciò ha causato una notevole sorpresa. I comunisti sono noti per la loro disciplina di partito e la fiducia nel leader, cioè Zyuganov. Perché il leader a lungo termine del Partito Comunista ha rifiutato di partecipare alle elezioni? E perché ha scelto Grudinin? Per capire questo cambio di candidatura dobbiamo tornare indietro di due decenni e spiegare brevemente cosa sia l’attuale Partito Comunista in Russia e chi siano suoi leader.

Il crollo dell’URSS e la crisi del 1993

Zyuganov è uno dei veterani e dei politici più esperti in Russia. Iniziò la sua carriera nell’URSS, e dopo il crollo di questa è stato alla base della creazione del Partito Comunista. Era un periodo in cui la Russia si trovava ad un passo dalla guerra civile. Poi si formarono due forze contrapposte: i nazionalisti russi e i loro alleati comunisti “di circostanza”, che erano sostenuti dalla maggior parte della popolazione del Paese, e il partito dei liberali filo-americani, guidato dal presidente El’cin. I liberali avevano attuato delle riforme con l’aiuto di consulenti americani, in seguito alle quali la popolazione si era drammaticamente impoverita, e si era formato uno strato di oligarchi che si erano arrogati il possedimento dei beni nazionali – impianti e risorse naturali.

Nell’ottobre del 1993, lo scontro tra il Parlamento patriottico e il governo filo-americano era arrivato al culmine: il presidente El’cin ordinò ai carri armati di fare fuoco sulla sede del Soviet Supremo, come ancora si chiamava il Parlamento russo. Gli Stati Uniti e i Paesi europei non avevano condannato queste azioni allora, ma hanno in seguito denunciato gli atti più moderati del presidente ucraino Yanukovich contro i militanti dell’Euromaidan.

Quando Zjuganov rischiò di diventare presidente della Federazione Russa

Zyuganov, a differenza di altri sui compagni comunisti, come riferirono dei testimoni, fuggì dalla manifestazione, che era stata minacciata. Nel giugno 1996 partecipò al secondo turno delle elezioni presidenziali contro El’cin, che i sondaggi all’epoca davano al 6%. Grazie all’aiuto del FMI (Fondo Monetario Internazionale), degli Stati Uniti e di una pressione senza precedenti sul candidato comunista, El’cin vinse le elezioni. Ma anche allora, molti russi dicevano apertamente che, in realtà, avesse vinto Zyuganov. El’cin era molto malvisto dalla società russa, e considerato una marionetta degli americani. Un altro noto politico russo, Vladimir Zhirinovsky, si era persino congratulato con Zyuganov per la sua vittoria.

Tuttavia, fu El’cin a vincere le elezioni: l’intera macchina statale lavorava per lui, i documenti delle commissioni elettorali furono bruciati subito dopo le elezioni. I primi a congratularsi con El’cin furono gli americani: la vittoria “dell’amico Boris” (come era chiamato El’cin dall’allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton) aveva garantito agli americani che la Russia avrebbe seguito la linea politica degli Stati Uniti.

Zyuganov si riconciliò con la sconfitta (più precisamente, con la vittoria persa) e si congratulò persino con il presidente El’cin. Se Zyuganov avesse agito in modo diverso, il Partito Comunista sarebbe stato probabilmente messo al bando, ma il suo leader si comportò secondo le regole del vincitore. Il partito liberale filo-americano in Russia ne gioì, mentre il Paese si stava muovendo verso il collasso economico e la disintegrazione. La guerra in Cecenia e il separatismo nelle regioni musulmane avevano messo in discussione l’esistenza della Russia come Stato.

Il KPRF è il principale partito di opposizione

In tutti questi anni, il Partito Comunista sotto la guida di Zyuganov è stato la principale forza di opposizione in Parlamento. Tuttavia, non ha mai trasformato le critiche al potere filo-americano in azione. I comunisti in parlamento furono, nonostante tutto, la valvola che permise il rilascio di un paio di critiche insoddisfatte nei confronti del regime del presidente El’cin e degli oligarchi. La crisi del potere aumentò la popolarità di Zyuganov, che stava aspettando la caduta del debole regime filo-americano.

Ma il 31 dicembre 1999, El’cin si dimise inaspettatamente dalla carica di presidente e dichiarò Vladimir Putin suo successore. Putin era stato appena nominato Primo Ministro e aveva avuto il tempo di avviare una campagna di successo contro i separatisti e gli islamisti in Cecenia. Il popolarissimo Putin, prima come capo del governo e poi (nel marzo 2000) come presidente, non lasciò alcuna possibilità al leader dei comunisti. Il Partito Comunista iniziò a perdere influenza e lasciò il posto alla più influente forza parlamentare del partito “Russia Unita”, creato da Putin. La crisi del Partito Comunista continua fino ad oggi.

La progressiva perdita di consensi del KPRF

Se nelle elezioni del 1995 i comunisti hanno ricevuto il 35% dei seggi nella Duma di Stato, nel 1999 i seggi sono diventati il 24%. Da allora, la forza della fazione comunista ha continuato a diminuire. Ciò è dovuto a due ragioni: la popolarità del Primo Ministro e poi presidente Putin e la mancata chiarezza del programma del Partito Comunista. Tuttavia, c’era anche una terza ragione, ovvero l’impopolarità del leader comunista Zyuganov al di fuori del partito stesso. Zyuganov è certamente un politico intelligente ed esperto, un grande maestro della strategia e della lotta politica. Appartiene alla cerchia dei politici del “consenso di Crimea”, cioè politici patrioti che hanno sostenuto le azioni del presidente Putin in Crimea, e poi in Ucraina e in Siria. Il presidente Putin, a sua volta, ha riferito di rispettare questi politici, e personalmente anche Zyuganov.

Ma Zyuganov gode di ben poche simpatie oltre agli elettori del KPRF. Periodicamente il suo potere all’interno del partito è stato sfidato da politici giovani e carismatici, come l’economista Sergey Glazyev (ora un assistente del Presidente Putin e conosciuto come il critico principale del programma economico liberale), ma ogni volta Zyuganov ne esce vincitore. Ha mantenuto il suo potere sul partito, ma il partito ha avuto un processo di invecchiamento. Negli anni 2000 arrivò nel partito una nuova generazione, giovani di più ideologie e di meno ambizioni. Ma ancora, sebbene il Partito Comunista si presenti come un partito di giovani, non è esattamente così, e Zyuganov, con i suoi 73 anni, ne è la prova.

L’esperimento Grudinin: l’oligarca populista

Pertanto, alla vigilia delle elezioni presidenziali, i comunisti si sono trovati in una situazione difficile. La decisione di Zyuganov di rifiutare di partecipare alle elezioni e di mettere al suo posto un altro candidato è stata spiegata dai politologi con lo stato di salute dello stesso capo del Partito Comunista e con la paura di ottenere un “vergognoso” terzo posto. In ogni caso, il plenum e il congresso del partito hanno nominato Pavel Grudinin.

Grudinin è relativamente giovane (57 anni), certamente intelligente, ha un certo carisma e una grande esperienza di vita. Moltissimi in Russia ritengono che la sua biografia appaia “provinciale”: Grudinin vive nella regione di Mosca, mentre in Russia non amano gli abitanti della capitale. Diversamente dalla maggior parte dei politici in Russia, laureati in Giurisprudenza o Economia, Grudinin è un Ingegnere agricolo, cioè un rappresentante dell’intellighenzia contadina. Ha sempre una parola semplice e corretta per valutare i problemi difficili, e questo svia l’attenzione di un elettore ordinario. Anche il fatto che Grudinin non abbia esperienza nelle regole politiche e manchi di esperienza politica inizialmente attrae simpatie nei suoi confronti. Sembra essere un “uomo del popolo”, comprensibile all’uomo della strada e vicino ai suoi problemi.

Grudinin: luci e ombre

Ma l’immagine attraente di Grudinin inizia a svanire quando si guarda più da vicino questa figura e si ascoltano i suoi discorsi. La prima contraddizione è che, pur essendo un uomo nominato dal Partito Comunista, risulta essere un mini-oligarca, ovvero ha creato una fortuna da molti milioni di dollari, e i segreti del suo successo commerciale non sono noti al grande pubblico. Tuttavia secondo la biografia ufficiale di Grudinin, è riuscito a preservare l’economia agraria collettiva creata nell’URSS – la fattoria statale (“l’economia sovietica”). Tutti i dipendenti della “fattoria statale di Lenin” sono azionisti dell’impresa e partecipano in egual modo ai profitti. I loro stipendi sono molto più alti di quelli dei colleghi del settore agricolo.

I media russi hanno fatto trapelare informazioni riguardo al reddito principale di Grudinin, dovuto alla locazione di terreni costosi (la sua fattoria si trova vicino a Mosca e vicino al territorio dove vivono la maggior parte degli oligarchi e dei ricchi). I primissimi discorsi di Pavel Grudinin hanno attirato l’attenzione delle masse, guadagnando una certa popolarità. È aperto, semplice e parla dei problemi che affliggono il Paese in maniera comprensibile, e soprattutto su un problema che preoccupa tutti: la crescente povertà.

Il KPRF punta sull’assenza delle politiche sociali del Governo Medvedev

Ripristinando il suo esercito e la sovranità della Russia, il presidente Putin ha trascurato l’agenda sociale. Di conseguenza, si è verificato un crescente malcontento nella società, l’odio per le corporazioni e per i funzionari degli oligarchi. Il livello di sostegno del presidente Putin nella società è davvero molto alto, almeno l’80%. Ma l’altro lato della medaglia è il basso rating del governo Medvedev. Tutti o quasi tutti gli osservatori in Russia concordano sul fatto che il Presidente Putin stia conducendo una politica estera molto letterale e accurata. Ma anche i sinceri sostenitori del presidente criticano la sua politica interna e, soprattutto, economica.

Questo nervo scoperto è stato toccato da Pavel Grudinin, che vuole farne la sua arma per il successo. Il suo programma pre-elettorale è molto semplice, e viene definito “20 passi”. Il suo autore è un giornalista d’opposizione ed ex politico: Yuri Boldyrev, che nei primi anni ’90, ancora ai tempi dell’Unione Sovietica, insieme a un altro politico populista, Grigory Yavlinsky, ha creato il partito liberale “Yabloko”. Questo partito sviluppò un programma per la transizione dal socialismo al capitalismo e lo chiamò “500 giorni”. “Yabloko” è da tempo immerso nel dimenticatoio, ma i suoi creatori cercano periodicamente di ricordare se stessi al pubblico che si è dimenticato di loro. Boldyrev ha puntato sul populismo sociale, mentre Yavlinsky sul liberalismo liberale anti-patriottico.

Grudinin non convince esperti e giornalisti

Famosi economisti in Russia, che all’inizio simpatizzavano per Grudinin, hanno cominciato a temere lui e i suoi programmi. Dal loro punto di vista, l’attuazione di questo programma è un’utopia, perché costruito sulla promessa ritenuta irrealistica di aumentare pensioni e stipendi. Ma dove trovare il denaro per questo? Il programma di Boldyrev-Grudinin non dà una risposta a questa domanda.

Il famoso economista e analista politico Mikhail Delyagin ha commentato: “In linea di principio, non ci alleniamo. (Grudinin) non è in grado di ascoltare consigli e imparare. E il massimo di cui è capace – se vuole imparare e lavorare sugli errori – è la carica di governatore o di Ministro dell’Agricoltura.”

Inoltre, prima di diventare il candidato del Partito Comunista, Pavel Grudinin era confidente del candidato presidenziale Vladimir Putin e membro di “Russia Unita”, fatto che mette in discussione la sua stessa immagine.

Nel frattempo, il consenso di Grudinin, che era molto elevato all’inizio, si è nettamente ridotto. Lo scandalo dell’occultamento del reddito e le proprietà all’estero hanno colpito duramente la sua popolarità. Inoltre, Grudinin ha mostrato una scarsa capacità di comunicare con la stampa e per ora sembra non reggere il confronto con le domande più sottili dei giornalisti.

In definitiva ci sono tutte le ragioni per credere che il candidato dei comunisti arriverà al terzo posto alle elezioni, dando il secondo posto a Vladimir Zhirinovsky del Partito Liberal-Democratico. Per il Partito Comunista questo sarebbe un colpo molto doloroso, e l’esperimento di Grudinin rischia di diventare un fallimento: al posto di un’alternativa socialista, l’elettore ha ricevuto una sorta di populismo sociale, e anche una presentazione poco convincente.

Silvia Vittoria Missotti

2 COMMENTI

  1. Articolo molto interessante e dettagliato .
    Per me che amo e, quando posso, visito quella che ormai considero la mia seconda patria, ovvero la Russia, è molto utile leggere e informarsi attraverso notizie di prima mano.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.