Viktor Petrovich Vodolatsky

Onorevole Vodolatsky, in queste ultime settimane abbiamo assistito ad un graduale aumento della tensione nel Donbass. Il nuovo presidente americano Joe Biden ha ribadito il supporto degli Stati Uniti e della NATO all’Ucraina, e sembra determinato a mostrare al mondo il cambio di direzione che ha preso il suo governo rispetto a quello di Trump. Qual’è la posizione del governo russo in merito a questo cambio di direzione? Nel caso in cui le attività belliche nel Donbass si intensificassero, vi è la possibilità che la Russia intervenga direttamente nel conflitto?

La cosa più importante che la comunità mondiale e tutte le forze progressiste devono capire chiaramente è che dopo gli anni Trenta del secolo scorso, quando nacque il fascismo in Germania e i nazisti iniziarono a prendere il potere, siamo diventati testimoni della più grande tragedia del XX secolo. Si tratta della Seconda Guerra Mondiale, quando Hitler voleva schiavizzare tutti i paesi europei, inclusa l’Unione Sovietica, distruggere la maggior parte della popolazione e rendere schiavi gli altri. Nel XXI secolo, la stessa cosa sta accadendo in Ucraina, dove oggi l’ideologia di Stato è il nazismo. Questa è la glorificazione del fascismo, i criminali di guerra Bandera e Shukhevych sono diventati eroi nazionali in Ucraina, e oggi questo fascismo sta dando i suoi risultati. Se l’Europa e la società mondiale non prestano attenzione, allora avremo un grosso problema.

Il problema è che i nazisti in Ucraina hanno iniziato a prendere potere. Bruciano persone, uccidono la popolazione pacifica. Nel sud-est dell’Ucraina, il Donbass non voleva che le bandiere con i ritratti di Bandera e Shukhevych sventolassero sulla loro terra. Loro sono contro il nazismo e quindi non volevano la sua rinascita dopo il colpo di stato del 2014, e hanno iniziato a proteggere le loro terre. I paesi europei, spinti dagli Stati Uniti, stanno sostenendo una tragedia ancora più grande, una guerra civile che scoppierà in Ucraina, quindi ora i paesi della NATO stanno aiutando l’Ucraina con armi letali. Oggi i civili muoiono ogni giorno e per qualche motivo nessuno, tranne la Russia, presta attenzione a questo. Giornalisti di tutti i paesi mi chiedono perché tutte le regioni dell’Ucraina concordano sul fatto che oggi il Settore Destro e i battaglioni nazionali (forze organizzate dell’estrema destra non inquadrate nell’esercito – ndr) sono i principali strumenti nelle mani dell’attuale governo. Il motivo è che Zelensky non dirige lo Stato, ma guida i nazisti, i nazionalisti.

Spiego: il Donbass non è mai appartenuto all’Ucraina. Dopotutto, bisogna guardare alla storia: nel 1922, quando fu creata la Repubblica socialista sovietica ucraina, Lenin, allora presidente del Consiglio dei commissari del popolo russo, consegnò queste terre all’Ucraina. Queste erano le terre dei cosacchi, la Grande Armata del Don, e tali rimangono. Pertanto, le persone lì hanno un carattere completamente diverso, e non permetteranno mai al Settore Destro e ai nazionalisti di governare la loro terra, e ovviamente sono per la maggior parte cittadini della Federazione Russa. Nella regione di Rostov, decine di migliaia di famiglie hanno legami familiari con Lugansk e Donetsk. Sono collegati da legami di sangue con la regione di Rostov, con la regione di Voronezh. Era un territorio unico dell’Impero Russo e della Grande Armata del Don, quindi le persone hanno una tale mentalità, c’è una cultura diversa, non vi è niente di ucraino e non ve ne è mai stato nel corso degli anni. Quindi, naturalmente, la Russia non lascerà i suoi compatrioti nei guai, c’è circa un milione di nostri connazionali che vivono lì, più di un milione.

E naturalmente, come può un paese abbandonare i suoi connazionali? Mai nella vita! Pertanto, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che abbiamo sempre, in tutti questi anni, fornito assistenza umanitaria ai residenti del Donbass e continuiamo a fornirla. E il fatto che oggi l’Ucraina sia spinta a continuare l’escalation, a continuare la guerra civile, è solo politica russofobica, perseguita solo per distruggere le persone che sono collegate in modo vitale con la Russia – questo è l’unico obiettivo. E naturalmente, oggi ogni politico revanscista, occidentale, e la nuova amministrazione Biden cercano di indebolire l’Ucraina, per incolpare la Russia di questo in seguito.

La Russia non ha mai combattuto con l’Ucraina e non combatterà, perché per noi è un popolo fraterno. Abbiamo una storia millenaria di convivenza, e quindi quello che sta accadendo oggi in Ucraina è un processo straordinario che sarà comunque ripulito e, come un tumore canceroso, il movimento del Settore Destro e i battaglioni nazionalisti che oggi governano lo Stato ucraino saranno comunque distrutti dalle forze sane della società civile ucraina. Perché è impossibile che questo tumore canceroso si trasformi in metastasi e si diffonda in Polonia e Ungheria e in altri paesi dell’Europa orientale e occidentale. Ripeto ancora una volta, questo è stato messo in atto da Hitler negli anni Trenta del secolo scorso. L’Ucraina lo sta facendo oggi. Penso che la comunità mondiale tornerà in sé, si toglierà il velo dagli occhi e inizierà a combattere il nuovo neofascismo.

Rimanendo sul tema delle tensioni a livello internazionale, anche l’Asia centrale ha recentemente suscitato qualche preoccupazione, per via del rischio di infiltrazione delle cellule estremiste islamiche. Lei, in quanto vicepresidente del Comitato della Duma di Stato per gli affari della CSI e l’integrazione eurasiatica, come valuta questo rischio? Quali pericoli può rappresentare questo, a breve e a medio termine, per la Russia e, in generale, per tutta l’Europa?

Il nostro Comitato, oltre alla CSI (Comunità degli Stati Indipendenti, è un’organizzazione internazionale composta da nove delle ex repubbliche sovietiche, tra le quali la Russia – ndr) partecipa all’integrazione eurasiatica e, soprattutto, noi lavoriamo con tutti i consigli di coordinamento di compatrioti nel mondo. Oggi l’ISIS sta cercando di creare una nuova forma di stato islamico, e per questo la Siria ha sofferto in primo luogo. Là vi erano molti immigrati, anche da molti paesi della CSI, quindi la Russia ha aiutato la Siria nella lotta contro i fondamentalisti islamici, contro quelle persone che volevano costruire il loro nuovo mondo con lo spirito del Medioevo. Questa era una minaccia non solo per il mondo orientale, ma in linea di principio per l’intera comunità mondiale.

Di conseguenza, tali momenti di islamismo radicale dovrebbero destare preoccupazione non solo tra i dirigenti della Russia, ma anche tra tutti i paesi, e quindi generare un impulso all’unificazione e non consentire a questa direzione di avere alcun sostegno finanziario o sostegno sotto forma di cibo e armi da quei paesi che stanno cercando di minare la situazione nel continente asiatico. Certo, l’ISIS non può esistere da solo; è anche aiutato dai paesi occidentali che vogliono che esistano tali focolai di guerra civile con un obiettivo: distogliere l’attenzione dai problemi che esistono oggi in ogni Stato. Problemi di politica sociale, problemi di economia, in modo che le persone non scendano in piazza, è necessario trovare un nemico esterno e tali nemici si “trovano” in Libia, Iraq e Siria. E la società civile è coinvolta in questo problema, e affinché questo incendio non si spenga, alcune strutture radicali, i “falchi della guerra” occidentali, stanno cercando di sostenere questi focolai inviando lì aiuti. Al fine di distrarre la loro società civile dai problemi interni.

In linea di principio, oggi gli Stati Uniti ne soffrono, i problemi all’interno dello Stato sono enormi, ma c’è un “nemico esterno” e questo “nemico esterno” viene attaccato sotto forma di messaggi informativi fraudolenti, vengono inviati messaggi informativi falsi. E poi gli Stati Uniti si mobilitano contro una minaccia esterna. Ma questa politica non porterà mai al bene, questa politica è sempre distruttiva, è come un boomerang: ritorna sempre e influisce sull’ordine che persegue tale politica. Se si prende la storia dello Stato russo, qualsiasi storico che legga la nostra intervista confermerebbe che la Russia, nella sua storia millenaria, non ha mai attaccato nessuno. Non c’è un solo esempio. Ma la Russia ha sempre liberato i paesi che erano sotto il giogo dell’Impero Ottomano, sotto i nazisti, abbiamo sempre salvato questi Stati dalla distruzione a costo della morte dei nostri soldati.

E ogni 75-100 anni, anche questo è un fatto storico, un anello di forze ostili si comprime intorno alla Russia per distruggerci. È successo al tempo di Aleksandr Nevsky, di Napoleone, della Prima e della Seconda Guerra Mondiale: volevano sempre distruggere la nostra Russia, il nostro Stato, perché il nostro codice genetico è quello di portare del bene. E a molti paesi questo non piace, motivo per cui si verificano tali cataclismi tra i nostri Stati. Alcuni Stati portano distruzione e guerre, e Stati come la Russia portano pace e bene. Questo è il motivo per cui occorre calunniare, ingannare le persone, dicendo che la Russia è un paese belligerante, che la Russia è un aggressore – la Russia non è mai stata un paese belligerante o un aggressore. Non c’è un singolo fatto storico che lo confermi.

Come abbiamo accennato prima, il nuovo governo di Biden ha cambiato direzione rispetto all’amministrazione precedente. Le autorità russe come vedono il futuro delle relazioni tra Russia e Stati Uniti? Cosa potrebbe significare questo per il resto del mondo, anche nei prossimi anni?

La leadership russa e il nostro Stato sanno che l’America e la Russia sono due grandi potenze nucleari. Pertanto tirare i baffi della tigre, come si suol dire, è molto pericoloso. La nuova amministrazione Biden si sforzerà di diventare il gendarme del mondo ogni volta che sarà possibile, ma non funzionerà. Oggi non è nemmeno tempo per costruire un mondo unipolare, come stanno cercando di fare gli Stati Uniti. Se oggi i politici occidentali seguono l’esempio degli Stati Uniti, allora la società civile rimuoverà questi politici dal suo percorso, perché nessuno Stato oggi ha il desiderio di combattere. E la Russia in primo luogo. Pertanto, è necessario sedersi al tavolo dei negoziati, è necessario risolvere in modo pacifico tutti i problemi esistenti. È necessario trovare la radice di questi problemi, e solo i mezzi diplomatici possono risolverli.

Il problema della leadership di Trump, Biden, Barack Obama era uno: il desiderio di diventare i governanti del mondo. E quindi, in questo sforzo, la Russia interferisce sempre con loro, perché la Russia rappresenta un mondo bipolare, in cui vi sono molte culture e costumi. Il fine della concezione multinazionale è che si possa vivere in pace e prosperità e svilupparsi. E per questo è necessario unire tutti gli sforzi. Tutte le sanzioni che sono ancora in corso nei confronti della Russia causano enormi danni, principalmente ai paesi europei – Germania, Italia, Francia. Le aziende italiane stanno perdendo molti miliardi di euro interrompendo il lavoro con la Russia. Ciò significa che l’economia non si sta sviluppando, significa disoccupazione in questi paesi. Chi ne trae vantaggio? Solo gli Stati Uniti, in modo che in seguito questi paesi possano essere tenuti vicino alle loro “mangiatoie” e quindi diano loro i biscotti come ai mendicanti, come si suol dire.

Le pongo ora una domanda che interessa più da vicino i nostri lettori: le relazioni tra Russia e Italia. La scorsa primavera, la Russia ha inviato aiuti all’Italia per fronteggiare l’emergenza coronavirus – aiuti che sono stati molto apprezzati dalla popolazione. Il nuovo governo di Mario Draghi, però, sembra volere invertire la rotta verso una posizione più tradizionalmente euro-atlantista. Come è percepito il nuovo governo italiano in Russia? Come valuta Lei il futuro delle relazioni tra i nostri paesi?

I rapporti tra i nostri paesi, nel corso della lunga storia, sono stati sia rapporti cordiali che rapporti tesi, a causa del fatto che Mussolini sosteneva Hitler e combatteva contro la Russia. Altri processi hanno avuto luogo durante la Guerra Fredda contro l’Unione Sovietica, contro la Russia. Così è stato nella nostra storia, ma questi brevi periodi di tempo si sono conclusi con l’instaurazione di relazioni di buon vicinato, relazioni amichevoli. Relazioni che furono tali per quasi tutta la storia del nostro rapporto, a partire dal XIV secolo, quando i mercanti italiani visitarono la Russia, il basso Don. Nella mia città natale di Azov c’è ancora un monumento, il cosiddetto “Muro genovese”, verso il quale in quei giorni navigavano mercanti, artisti, viaggiatori italiani e stabilivano rapporti commerciali e culturali. Immaginiamo da quanti secoli questo rapporto tra i nostri popoli è stato confermato.

Il popolo italiano e il popolo russo, in particolare del sud della Russia, sono entrambi caldi, allegri, c’è la stessa mentalità degli italiani tra i meridionali della Russia, come la regione di Rostov, il territorio di Krasnodar, le nostre Repubbliche caucasiche. Questo è probabilmente ciò che ci unisce. Pertanto, il fatto che l’attuale governo stia nuovamente cercando di seguire l’esempio degli Stati Uniti e di adattarsi alle loro politiche è un fattore temporaneo. Come sono stati eletti gli attuali politici italiani, il popolo italiano li può rieleggere. Chi è venuto per prima in suo soccorso? La Russia. Chi tornerà, Dio non voglia, nel caso in cui succeda qualcosa, ad aiutare il popolo italiano? Tornerà la Russia, nessun altro paese europeo o gli Stati Uniti verranno. Verremo perché abbiamo rapporti amichevoli e cordiali con il popolo italiano. Non con i leader che vanno e vengono, ma con il meraviglioso, buono, gentile popolo italiano. E sarà sempre così.

Silvia Vittoria Missotti

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome