Nel corso della visita ufficiale del Primo Ministro italiano Matteo Renzi alla Repubblica Islamica dell’Iran, l’Amministratore Delegato di Saipem (compagnia sussidiaria di Eni) Stefano Cao, ha siglato con il collega iraniano Ali Yadghar, responsabile della ‘Razavi Oil and Gas Development’, un memorandum d’intesa (MoU) per un importante progetto strategico.

Le due compagnie si sono infatti impegnate a valutare le possibilità di cooperazione per lo sfruttamento del giacimento di gas naturale ‘Toos’, situato 100 Km a Nord-Ovest della città iraniana di Mashhad. Tale campo gasifero, capace di almeno 60 mld di metri cubi, sarebbe in grado di garantire un ritmo estrattivo di 4 mln di metri cubi pro die qualora venisse dotato di almeno cinque pozzi estrattivi (più altri due opzionali).

Questo memorandum d’intesa, è il terzo siglato da gennaio scorso da Saipem con partner iraniani; in passato erano state la ‘National Iranian Gas Company’ ad accordarsi per valutare le possibilità di cooperazione su gasdotti e la ‘Persian Oil and Gas Development Company’ per lavori di ammodernamento e potenziamento delle raffinerie di Pars Shiraz e Tabriz.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.