matteo salvini

Quindici minuti per smontare le ricostruzioni fantasiose di queste ore e far capire ai “ricattatori” che non saranno fatti sconti. Matteo Salvini, sceglie la strada di una comunicazione diretta ed efficace per aggiornare elettori e simpatizzanti sullo stato degli incontri tra i tecnici della Lega e del M5S, durante i quali sta prendendo forma il “governo del cambiamento”.

Il segretario federale della Lega attacca duramente chi sta provando a terrorizzare le basi del Carroccio e dei Movimento 5 Stelle, per boicottare la nascita del nuovo governo: “Tutti scrivono che sale lo spread, scendono le Borse, che Washington è preoccupata, Berlino è preoccupata, Parigi è preoccupata. Se nei salottini dove hanno deciso che i nostri figli devono vivere di precarietà e di paura sono preoccupati, vuol dire che stiamo facendo qualcosa che è giusto. Se sui giornali italiani Travaglio mi insulta, anche Il Giornale di casa Berlusconi ci insulta, Il Sole 24 Ore ci insulta, ci insultano tutti. Se mettiamo d’accordo tutti quelli che sono stati complici del disastro italiano degli ultimi anni, in Italia e in Europa qualcosa vuol dire. Più ci insultano, ci minacciano più mi vien voglia di partire con questa sfida. Se qualcuno pensa di impaurirci e di farci scappare, sbaglia”.

 

Dopo aver smentito le voci di nuovi attriti con i pentastellati, Salvini torna alla carica. “Provano a fermarci coi soliti ricatti dello spread che sale, delle Borse che scendono e delle minacce europee. Stavolta si cambia, più lavoro e meno clandestini, più sicurezza e meno tasse”.

Dal video, emerge come la Lega punti al Ministero dell’Interno con “un ministro garante dei confini” e quello dell’Agricoltura.

Sulla possibilità di ricoprire il ruolo di premier, il leader leghista ha le idee chiare: “Sarebbe l’onore più grande del mondo. Ma se avessi la certezza, anche non da premier, di poter fare parecchie cose uniche per il Paese, mi metto in gioco e se serve faccio anche un passo a lato. Voglio cambiare questo paese, più ci insultano, più ci minacciano, più mi viene voglia di partire con questa avventura”.

Dura replica al Financial Times per l’articolo dal titolo “Roma apre le porte ai moderni barbari”: “Meglio barbari che servi. Prima gli italiani. Se c’è chiarezza sui temi fondamentali si parte”.

Passaggio importante sui migranti: “Arriva l’estate, aumenteranno gli sbarchi, e l’Europa già comincia con i moniti: l’Italia faccia quello che ha sempre fatto. Cioè calare le braghe. Invece ci vuole una stretta all’immigrazione clandestina, chi deve andare a casa vada a casa subito, procedure più veloci. Con la Lega al governo i 5 miliardi previsti dalla sinistra per l’immigrazione andranno quantomeno dimezzati e dirottati sui rimpatri”.

Contro i corifei di Bruxelles si è scagliato anche Luigi Di Maio (M5S): “Guarda caso appena abbiamo fatto l’ipotesi di un governo M5s-Lega cominciano le fibrillazioni, vedo una certa paura da parte di alcuni eurocrati ma non mi spaventano”.

“Ci sarà la fila per sabotare questo governo”, ha aggiunto il leader del Movimento 5 Stelle.

UN COMMENTO

  1. Salvini è una persona etica e corretta ( un modello per il caimano ) è un ottimo politico lavoratore e capace: grande fiducia a Salvini unico politico che può salvare l’Italia.
    Un consiglio ai patrioti italiani : – destinate nel 730/2018 il vostro 2 per mille alla Lega di Salvini.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.