Sergej Lavrov

Durante il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il Ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergei Lavrov ha attaccato i paesi occidentali. Secondo il ministro del governo Medvedev l’Occidente permetterebbe da anni ai jihadisti di Siria e Iraq di possedere armi chimiche.

La Russia denuncia in Siria e Iraq il serio pericolo che le armi chimiche possano colpire le popolazioni, “abbiamo proposto alle Nazioni Unite una risoluzione che denunciasse questo stato di cose, ma l’istanza è stata completamente ignorata” ha denunciato Lavrov alla stampa. “I paesi occidentali” – ha continuato – “perseverano nel chiudere un occhio sulle armi chimiche dei terroristi, ma continuano ad accusare Damasco”.

“È molto grave” – ha chiosato il ministro degli Esteri russo – “che si giochi sul discorso della non proliferazione di armi chimiche per ottenere vantaggi geopolitici. Abbiamo proposto da tempo che si avviino nuove procedure di indagine sulla questione delle armi chimiche in Siria, tenendo fede al principio di non proliferazione”.

Nel Consiglio di Sicurezza di oggi la Russia ha dato proprio “niet” anche al nuovo Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari. Lavrov ha lasciato intendere che la proibizione del nucleare a scopi militari avrebbe senso solo a patto che vi sia un disarmo globale e non con un accordo unilaterale, che creerebbe secondo il ministro russo disparità di trattamento tra membri della comunità internazionale.

Il capo della diplomazia russa ha poi stigmatizzato l’intenzione di Washington di tirarsi indietro dall’accordo nucleare con la Repubblica Islamica dell’Iran: “È evidente che il fallimento del P5+1 sarebbe un segnale allarmante per tutto il sistema di sicurezza internazionale, inclusa la questione nucleare nella penisola di Corea”. A tal proposito Sergei Lavrov ha ribadito la validità della road map tracciata da Russia e Cina nel raggiungimento della pace nella regione.

2 COMMENTI

  1. mah penso che sarebbe ora che si analizzerebbero le situazioni onde evitare conflitti che potrebbero sfociare nella distruzione della vita sulla terra ora l”informazione sta diventando un bene di tutti con l”avvento di internet e penso che ci vorrebbe un autocoscienza globale e questo e anche il motivo che in molti stati i governi hanno risicate maggioranze e se l”informazione viene confrontata molti governi cadranno perchè la gente vuole vivere e non crede più agli stati guerra fondai

  2. La realtà e che gli Stati Uniti ed Israele si stanno comportando effettivamente come degli stati canaglia, gli Usa hanno disseminato mezzo mond di migliaia di bombe nucleari, anno dato armi chimiche all’I.S.I.S., anno dato moltissime bombe atomiche ad Israele ed a stati terroristi tagliateste come l’Arabia saudita ed il Pachistan, e se la Russia farebbbe lo stesso con i pochi paesi amici che ha, di cosa si potrebbe indignare gli imperialisti della casa bianca, perche non dare bombe atomiche a l’Iran perche possadifendersi, e perche non darle anche alla Corea del Nord per non farsi di nuovo distruggere dagli U.S.A., perche questa mafia della Nato sulla doppia morale, perche non esiste un organismo internazionale indipendente visto che L’Onu le nazioni unite e tutti gli organismi di controllo sono dominati dagli U.S.A. Grazie a Putin e la sua larga prudenza non si e verificato uno scontro che poteva essere anche atomico, a quado la prossima provocazione contro la Russia, visto che la pazienza di Putin non sarà infinita?.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.