Guerra in Siria, Damasco

Damasco – Il bilancio è di almeno una ventina di morti e oltre quaranta feriti nella capitale siriana. I ribelli siriani, cioè terroristi affiliati a quella che una volta era Al Qaeda, hanno inviato dei missili dalle postazioni di Ghouta Est nel tardo pomeriggio.

Un duro colpo per il governo di Bashar Al-Assad, che sventata la minaccia dell’ISIS si ritrova dopo 7 anni invischiato nella guerra civile con i ribelli, che l’Occidente perseguita a proteggere e a non riconoscere come terroristi. Nei giorni scorsi, il Ministro degli Esteri Lavrov aveva avverito sul pericolo insito nel continuare a supportare le sacche di ribelli rimaste nel territorio siriano.

La presenza di un missile di tale gittata fa evincere un sostegno militare non trascurabile da parte di Washington e alleati. Il missile è stato lanciato nel distretto di Kashkoul, dove era in corso un mercato affollato di cittadini siriani.

Seguono aggiornamenti…

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.