Nonostante le differenziazioni che soprattutto dalla Casa Bianca, sin dal 2011 tengono a fare tra i ribelli moderati e i gruppi terroristi, sul terreno non vi è quasi alcuna differenza tra i due gruppi. I moderati che sono insorti contro Assad, oramai cinque anni or sono, risultano spesso ingestibili sia dagli stessi USA che dalla Turchia, paesi che hanno dato il maggiore appoggio ai ribelli siriani. Tanto da indurre la Casa Bianca a preparare e addestrare queste formazioni paramilitari nel regno di Giordania, allo scopo di coordinare tatticamente questi gruppi, tuttavia spesso con scarsi risultati. La commistione tra i gruppi cosiddetti moderati e movimenti estremisti come al-Nusra e le frange dell’ISIS resta.

Una di queste formazioni addestrate nel regno ascemita ha preso il nome altisonante di “Nuovo Esercito Siriano” e, rapidamente dotato di un accattivante logo con aquila e stelle e strisce del vessillo coloniale dell’epoca Sykes-Picot, è stato schierato nel Sud della Siria con l’intenzione di strappare all’ISIS il controllo del varco di confine siro-iracheno di Albu Kamaal.

Il Nuovo Esercito Siriano aveva mobilitato le sue forze al completo (cento uomini il cui addestramento sarebbe costato 416 milioni di dollari, stando alle fonti USA), ma la prevista offensiva contro Albu Kamaal si è risolta in un disastro. Infatti, all’apice del combattimento, quando già le cose cominciavano ad andare parecchio male per l’NSA, la richiesta di costoro di beneficiare del supporto aereo della coalizione occidentale anti-ISIS è caduto nel vuoto, e il Nuovo Esercito Siriano, decimato dalle perdite, ha dovuto mollare la presa e tornare di corsa verso il territorio giordano.

Mentre l’Aviazione Russa, che schiera due dozzine di apparecchi e una trentina di elicotteri in Siria, riesce ogni giorno a produrre dai settanta ai centoventi interventi aerei contro obiettivi terroristici, gli Usa, che dispongono di enormi basi in Turchia (Incirilik), in Barhein (QG Quinta Flotta) e in Giordania, e che potrebbero mobilitare senza sforzo un centinaio e più di apparecchi, non sono riusciti a togliere le castagne dal fuoco alla piccola coterie di ribelli moderati.

Paolo Marcenaro

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome