Da Aleppo arrivano sempre nuove prove e dimostrazioni che la situazione sul campo viene costantemente osservata e monitorata dai comandi siriani e russi che aggiustano e modificano le proprie iniziative a seconda degli sviluppi effettivi, mentre Stati Uniti, NATO e ONU sembrano invece partire da presupposti ideologici che li portano a valutazioni in disaccordo con la realtà.

Infatti, mentre Damasco e Mosca, verificate le difficoltà dei civili aleppini tenuti in ostaggio dai gruppi jihadisti nei quartieri centro-orientali della metropoli settentrionale a raggiungere i corridoi umanitari per esfiltrare dalle zone di combattimento, hanno esteso fino a lunedì prossimo il cessate il fuoco dichiarato nell’area, il cosiddetto inviato ONU Staffan De Mistura ha rilasciato una incredibile dichiarazione nella quale si legge che i civili “vogliono rimanere dove sono, ma chiedono che vengano fermati i bombardamenti”.

Dal che si evince che con la soggezione totale alla linea degli Stati Uniti lo scopo dell’ONU è quello di provocare una tregua generalizzata che permetta ai terroristi di continuare a usare gli sfortunati abitanti di Aleppo che non sono riusciti a fuggire negli ultimi quattro anni come “scudi umani” e contemporaneamente rinforzare le proprie posizioni con l’afflusso di rincalzi, rifornimenti e munizioni che riprenderebbero a fluire tramite i canali ora bloccati dal ferreo assedio imposto dalle truppe governative.

Secondo l’italo-svedese inviato ONU i civili di Aleppo non chiederebbero “di meglio” che rimanere fianco a fianco con i tagliagole che hanno distrutto la città dal 2012 a oggi, saccheggiandone le centinaia di fabbriche e opifici, sgozzando e fucilando i prigionieri delle forze governative che l’hanno difesa fino all’ultima goccia del loro sangue, imponendo la caricatura eretica della religione islamica a una delle più laiche, multietniche cosmopolite metropoli del Medio Oriente.

E’ pertanto impossibile che non sorgano a questo punto serie domande sulla serietà, la credibilità e l’attendibilità di Staffan De Mistura.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome