diego fusaro

Al coro degli intellettuali di sinistra come Roberto Saviano, Fabio Volo e Luciana Littizzetto, che nei giorni precedenti all’attacco alla Siria e in quelli immediatamente successivi hanno dipinto il solito quadro del dittatore che gasa i propri cittadini, fanno da contraltare delle mosche bianche nel nostro paese, che si ribellano a questa visione manichea sulla figura di Assad.

Pippo Franco, comico della commedia all’italiana e di programmi televisivi di successo come Biberon e Crème Caramel, celebri per la loro satira nei confronti dei politici a cavallo degli anni ’80 e ’90, condanna i bombardamenti della Siria: “Se non poniamo fine alla guerra, la guerra porrà fine a noi” scrive l’attore romano di origini irpine su Facebook.

Se non poniamo fine alla guerra, la guerra porrà fine a noi. #nowaronsyria

Posted by Pippo Franco on Saturday, April 14, 2018

A pensarla come lui alcuni filosofi italiani, come Diego Fusaro: “Sveglia! – ammonisce sul suo sito personale il filosofo torinese – Non v’è nessun’arma chimica in Siria usata da Assad. È la solita scusa dei vigliacchi USA per bombardare un eroico Stato non allineato. Viva Assad, viva la Siria, viva i popoli che resistono all’imperialismo”. Una posizione chiara e netta, che Fusaro aveva espresso anche in tv, ospite del programma di La7 condotto da Myrta Merlino, L’Aria Che Tira, quando il filosofo si era scontrato con l’ex dirigente di Rifondazione Comunista, oggi deputato PD, Gennaro Migliore, proprio sulla Siria e il presunto attacco chimico.

Un altro filosofo, un tempo in orbita Cinque Stelle, denuncia che quello dell’attacco chimico sarebbe un casus belli male orchestrato. Paolo Becchi, filosofo ligure a L’Aria Che Tira, ieri ha imbeccato il giornalista de La Stampa Molinari sulla questione siriana: “l’attacco di Usa, Francia e Gran Bretagna è un’aggressione bellica a uno stato sovrano – sottolinea Becchi – senza nessuna dichiarazione di guerra e senza mandato dell’Onu”. Interrogato sull’attacco chimico vero o presunto, Becchi sostiene che non ci siano prove di un attacco chimico da parte di Assad, e che con questo pretesto si sono già fatte altre guerre, come quella contro Saddam Hussein in Iraq, accusato di avere armi di distruzioni di massa, mai trovate, neanche dopo la caduta del regime del baath iracheno.

Sorprendentemente anche il vignettista Vauro Senesi, acerrimo nemico di Salvini e di Berlusconi, ha addirittura ritwittato il messaggio del leader del Carroccio contro la guerra in Siria. L’aggressione degli Usa ha avuto la forza di unire per una volta Salvini e uno come Vauro, fiero antiberlusconiano e sedicente comunista.

Spostandoci dal lato dei giornalisti e addetti ai lavori, Marcello Foa, giornalista e direttore de Il Corriere del Ticino, a Linea Notte (Raitre) condanna i media occidentali vittime della disinformazione dei governi: “in Iraq venne attuata una vera e propria campagna basata su prove false. I giornalisti dovrebbero dire in questi casi ‘attenzione ci prendono in giro’. Anche in Siria nel 2013 si sfiorò un attacco per quello che poi si è rivelato di un false flag, nel 2017 si parlava da parte di Amnesty International di una fabbrica sarebbe stata usata da Assad come forno crematorio, poi il dipartimento di Stato ha detto che si trattava di una fabbrica dismessa. Siamo vittime di queste false informazioni, i giornalisti dovrebbero interrogarsi”.

PERCHÉ I GIORNALISTI SI DIMENTICANO DI ESSERE VITTIME DI DISINFORMAZIONE?

In Siria la disinformazione dilaga. E i giornalisti ci cascano sempre.In due minuti, vi spiego come sia possibile e perché. (tratto dal mio intervento a TG3 Linea Notte).

Posted by Marcello Foa on Monday, April 16, 2018

Si tratta tuttavia di mosche bianche in un momento in cui anche il Movimento Cinque Stelle, che aveva al suo interno posizioni in politica estera estremamente interessanti, cede le sue idee politiche sull’altare della corsa al potere e del profilo moderato, disegnato negli ultimi anni dalla leadership di Luigi Di Maio.

UN COMMENTO

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.