lavrov-tillerson

Alla fine Rex Tillerson vola a Mosca, nonostante le dichiarazioni degli scorsi giorni, quando aveva imputato ai russi la responsabilità dell’attacco chimico a Khan Sheikun.

Stando anche alle dichiarazioni del portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov (“non c’è alcun appuntamento in programma”), il Segretario di Stato americano dovrebbe incontrare soltanto il suo omologo Sergei Lavrov, in una situazione diplomatica che ricorda molto quella con il predecessore di Tillerson, John Kerry. Segno che il solco tra Mosca è Washington si è di nuovo ampliato.

Sarà difficile infatti smuovere russi e americani dalle proprie posizioni ora che l’amministrazione Trump ha lanciato la propria offensiva contro l’alleanza filogovernativa  in Siria. Al G7 di Lucca è stato lanciato un memorandum dai paesi membri che invita Mosca ad abbandonare l’alleanza con Assad in cambio di un ritorno di Mosca nel G8.

Una proposta che difficilmente scalfirà la sensibilità del Cremlino, visto che anche a livello di governance mondiale il G20 ha ampiamente scalzato un summit che fatica a prendere atto dei cambiamenti in atto del mondo e si chiude nel suo guscio di una centralità del campo occidentale che non esiste più da qualche anno.

Più mite nonostante l’unità di intenti dei sette membri del summit la posizione della Germania sull’affare siriano. Il Ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel ha invitato gli Usa a una maggior cautela prima di inaugurare un’escalation in Siria: “Gli Stati Uniti avrebbero bisogno di risolvere il conflitto siriano, una guerra farebbe morire ancora molti uomini”. Mentre in merito alla Russia ha dichiarato che “bisogna far in modo da portare i russi e molti altri a un tavolo di trattative” ma ha anche invitato Mosca a lanciare un’indagine sulle armi chimiche usate ad Idlib.

Stando alle parole di Gabriel, Lavrov gli avrebbe assicurato che il Cremlino farà in modo da chiarire cosa è effettivamente successo a Khan Sheikun. Una linea quella tedesca che allo stato attuale sembra difficile che venga seguita da Washington.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome