CONDIVIDI

Dopo tanti cambi di lingua e bandiera, un’acquisizione tutta italiana con obiettivi molto ambiziosi. Lo shopping straniero nell’agroalimentare italiano con ben 3 marchi storici su 4 che sono finiti all’estero, questa volta ha dovuto subire una battuta d’arresto.

Con i marchi Pomì e De Rica nelle stesse mani, nasce la prima filiera italiana nella coltivazione e trasformazione in polpe, passate e concentrati, grazie alla quale 550.000 tonnellate di pomodoro fresco raccolto esclusivamente in Italia, potranno essere trasformate ed esportate in 60 Paesi nel mondo.

Il marchio De Rica nasce nel 1963 ed è stato reso famoso dal Carosello con lo spot che vedeva protagonisti la coppia il canarino Titti e il Gatto Silvestre con lo slogan “No su De Rica non si può” che assume ora uno straordinario significato di appartenenza del marchio alla storia e alla cultura nazionale.

Il Consorzio Casalasco del Pomodoro, dopo Pomì, ha acquistato lo storico marchio De Rica affinché resti in Italia direttamente in mano al mondo agricolo cooperativo, con un forte legame col proprio territorio d’origine.

Il prodotto simbolo della dieta mediterranea è il condimento maggiormente acquistato dagli italiani, ma anche quello più amato all’estero dove le esportazioni di pomodori conservati e preparati hanno superato 1,5 miliardi di euro nel 2016.

“Con questa operazione si realizza una svolta nella costruzione di una filiera agricola tutta italiana che vede direttamente protagonisti gli agricoltori per garantire quel legame con il territorio che ha consentito ai grandi marchi di raggiungere traguardi prestigiosi”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “la svendita di marchi italiani all’estero ha spesso significato nell’agroalimentare lo svuotamento finanziario delle società acquisite, la delocalizzazione della produzione per chiusura di stabilimenti e gli acquisti delle materie prime all’estero con perdita di occupazione”.

Soddisfazione è stata espressa anche dal mondo delle cooperative.

“La nascita del gruppo leader in polpe, passati e sughi di pomodoro in Italia con i marchi Pomì e De Rica in mano agli agricoltori, dichiara Ue.Coop, l’Unione Europea delle Cooperative,  è la riscossa della vera cooperazione espressione di una filiera tutta italiana con un forte legame col proprio territorio d’origine. Una operazione che porta valore all’economia e al lavoro puntando sulla centralità dei soci e del territorio in cui operano, in una situazione in cui molti anche nella cooperazione sono tentati da scorciatoie speculative con il falso Made in Italy”.

Il Consorzio Casalasco del Pomodoro, leader in Italia nella coltivazione, produzione e trasformazione del pomodoro che ha acquistato il marchio De Rica da Generale Conserve S.p.A. conta su 370 aziende agricole associate che coltivano 7.000 ettari di terreno dislocati nella pianura Padana tra le province di Cremona (dove ha sede a Rivarolo del Re), Parma, Piacenza e Mantova con 3 stabilimenti.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com

LASCIA UN COMMENTO