Felice Ippolito

Felice Ippolito nacque a Napoli il 16 novembre 1915. Dopo aver frequentato il liceo classico Umberto I, Ippolito si iscrisse all’Università di Napoli dove si laureò nel 1938 in ingegneria civile, indirizzando poi la sua carriera verso la geologia.

Ippolito quindi si laureò due anni prima dall’entrata in guerra dell’Italia. Accettò un incarico che consisteva nell’andare alla ricerca di giacimenti di carbone fossile nelle Alpi Apuane. Questo incarico, oltre ad avergli evitato di finire nella zona delle operazioni belliche, gli servirà per familiarizzare con i problemi dell’e­nergia. Alla fine della guerra lo si ritrova docente presso l’Istituto di Geologia applicata e giacimenti minerari dell’Università di Napoli.

L’incontro con l’Uranio avvenne pochi anni più tardi. Stabilito che l’Italia era povera di ri­sorse come carbone e petrolio, materie necessarie per ambire a diventare un Paese industriale avanzato, si rendeva quindi indispensabile conferire ad esso la libertà energetica seguendo altre strade.

Sicuro dei propri convincimenti, il geologo napoletano si mise a studiare la radioattività delle lave ve­suviane e di altre rocce, dove riteneva potesse esserci Uranio in quantità consistente. Non ottenne in realtà risultati di rilevanza. Per fare questo lavoro entrò in contatto con il fisico Edoardo Amaldi (1908-1989), il quale gli mise a disposizione alcuni contatori Geiger indispensabili per eseguire quelle ricerche sul ter­reno.

Amaldi era l’unico dei cosiddetti “ragazzi di via Panisperna” che era rimasto in Italia dopo che la scuola di Enrico Fermi che aveva fatto di Roma la capitale mondiale della fisica nucleare, si era dissolta. Franco Rasetti e i due premi Nobel per la fisica Enrico Fermi ed Emilio Segrè erano salpati, prima della guerra, verso gli Stati Uniti. Esule anche un altro dei ragazzi di quella scuola prestigiosa, Bruno Pontecorvo, prima in America, poi in Canada, in Gran Bretagna e definitivamente in Unione Sovietica dal 1950.

Amaldi non si limitò a fornire ad Ippolito gli strumenti tecnici per la sua ricerca, ma lo mise anche in contatto con Giuseppe Bolla (1901-1980) professore ordinario di fisica supe­riore al politecnico di Milano, il quale, coadiuvato da tre giovani ricercatori, due fisici e un ingegnere della Edison, aveva fondato a Milano il Centro informazioni studi ed esperienze (Cise), una società senza scopo di lucro che era stata creata con l’intenzione di favorire lo sfruttamento delle potenzialità dell’energia nucleare da parte del sistema industriale italia­no. Giuridicamente era una società a responsabilità limitata cui aderirono varie industrie private come la Edison, la Cogne e la Fiat, ma anche pubbliche come la Terni, che era di proprietà dell’IRI, e l’azienda elettrica milanese. L’obiettivo del Centro era quello di studiare le condizioni per la realizzazione di un reattore nucleare e tentarne poi la costruzione. In poco tempo i suoi ricercatori avevano creato un impianto pilota per la produzione di ac­qua pesante mediante elettrolisi ed effettuato una serie di misure sulla fissione dell’Uranio.

Di questo elemento si faceva un gran parlare dopo che nel dicembre del 1942 Enrico Fermi riuscì a dimostrare che era possibile controllare la trasfor­mazione dell’Uranio per la produzione di energia. L’Uranio in natura è composto da una miscela di tre isotopi: l’Uranio 234, 235 e 238 che è la forma più abbondante, quella presente nel 99,3% del totale.

L’isotopo più efficiente impie­gato per la reazione a catena che libera l’energia atomica è l’isotopo 235. Quest’ultimo però è presente solo in tracce nei minerali naturali. Mediante un pro­cesso detto di arricchimento è possibile separare gli isotopi e isolare solo Uranio 235 dal resto. In verità la reazione di fissione è possibile anche con l’Uranio naturale che in fondo era ciò che aveva utilizzato Fermi con il suo reattore nucleare a Chicago. Per rallentare i neutroni emessi dall’Uranio era previsto l’uso dell’acqua pesante mentre il metodo di raffreddamento individuato dai fisici italiani era originale e si basava su una miscela di ac­qua e vapore; per tale motivo il reattore venne chiamato “Cise reattore a nebbia”, accorcia­to in Cirene.

L’Uranio arricchito diverrà d’uso comune per i reattori a fissione da parte di tutti i Paesi che adotteranno una politica nucleare e anche l’Italia si allineerà su questa tecnica. Per tale motivo Cirene non entrerà mai in funzione ma rimarrà nella storia come il prototipo italiano del primo reattore a fissione con Uranio naturale.

L’indipendenza energetica dell’Italia a cui aspirava Ippolito era la stessa che muoveva Enrico Mattei alla ricerca dell’autonomia italiana nel campo del petrolio. L’analogia con la figura di Mattei non è una forzatura se si considera che Ippolito veniva chiamato “il Mattei del nucleare”. Entrambi infatti pensavano che l’energia fosse un campo da non lasciare ai privati e che invece era necessario venisse controllato dallo Stato, per questo motivo entrambi erano malvisti dai privati in Italia e all’estero, soprattutto in America. Mattei fece una brutta fine: morì nel 1962 in un misterioso incidente occorso al suo aereo personale. La fine di Ippolito sarà meno tragica ma non meno dolorosa.

Il declino della carriera di Ippolito iniziò con un fatto che invece avrebbe dovuto rappresentare un successo: nel 1955 alla scadenza del primo mandato al CNRN (Comitato Nazionale per le Ricerche Nucleari) il governo non si decideva a rinnovargli l’incarico e così nell’estate di un anno dopo Francesco Giordani si dimi­se per pro­testa dalla presidenza e con lui si dimisero per solidarietà anche gli altri membri del Comitato.

A questo punto la commissione, su suggerimento del Ministero del­l’Industria, dele­gò provvi­soriamente Felice Ippolito alla sua gestio­ne. Da quel mo­mento il geologo napoletano di­verrà leader indiscusso del CNRN che nel 1960, si trasformerà in CNEN (Comitato Nazio­nale Energia Nucleare). La legge stralcio che aveva istituito il CNEN non costituiva però la tanto auspicata legge com­plessiva sul nucleare che venne infatti varata soltanto dopo la nazionalizzazione dell’ener­gia elettrica e la costituzione dell’ENEL (Ente Nazionale per l’Energia Elettrica). Nonostante questa lacuna Ip­polito fu in grado di attuare diversi progetti di svi­luppo del settore nuclea­re.

Nel 1963 l’Italia vantava tre centrali nucleari: quella di Latina, quella del Garigliano in provincia di Caser­ta e quella di Trino Vercellese. Il nostro Paese, a quel tem­po, era il ter­zo al mondo dopo la Gran Bretagna e gli Stati Uniti per pro­duzione di energia elettrica dal nucleare e inoltre disponeva di competen­ze e cono­scenze specifi­che molto avanzate.

Ippo­lito mirava a rendere l’Italia indipen­dente dal punto di vista energeti­co, ma le cose andaro­no in modo molto diverso, anzi opposto. I suoi critici avevano mosso pesanti censure alla gestione del CNEN, anche al di là della questione delle irregolarità amministrative che pure erano state rilevate. Innanzi­tutto l’ascesa di Ippolito alla direzione del Comitato non appariva del tutto cristallina e inoltre ve­niva giudicata negativamente la gestione dell’organismo definita personalistica a causa dell’in­staurazione di un ap­parato burocrati­co elefantiaco e del suo ap­proccio al pro­blema della poli­tica nucleare nazionale, considerato irrazionale.

La conse­guenza di tutto ciò sa­rebbe stata, a detta dei suoi critici, la deriva e quindi il naufra­gio del­la politica nucleare in Italia, con un grosso costo per il bilancio nazionale e l’asservi­mento scientifico e tecnolo­gico agli Stati Uniti e ad altre nazioni europee, considerati più cauti nelle progettazioni e più oculati nel­l’utilizzo dei fondi statali.

Nell’agosto del 1963, un editoriale de “L’Espresso” prese le difese del CNEN. Alcuni giorni più tardi l’agenzia di stampa del partito socialdemocratico (PSDI) batté una serie di note del segretario Giuseppe Saragat, il quale però non si era mai occupato di energia tanto da suscitare ilarità per il cumulo di scioc­chezze che riuscì a formulare.

Il leader socialdemocratico poi, correggendo con disinvoltura alcuni suoi errori scien­tifici, contabili e di linguaggio, attaccherà apertamente il CNEN e “l’ossessione dell’energia atomica”, come veniva da lui definita la ri­cerca sul nucleare. Secondo Saragat la costruzione di altre cen­trali nucleari equivaleva a gettare altre centinaia di mi­liardi dalla finestra. Lui stesso avreb­be vigilato per impedire nuovi as­surdi sperperi di dena­ro pubblico.

L’argomento venne ripreso da altri giornali: “Il Sole 24 ORE”, il quotidiano della confindu­stria e il “Corriere della Sera” si schierarono dalla parte di Saragat, mentre l’“Unità”, l’“Avanti!” e la “Voce Repubblicana” erano dalla parte del CNEN. Gli scritti di Saragat die­dero l’avvio ad una polemica giornalistica e politica che subito si trasformò in una campa­gna di stampa contro Ippolito e il CNEN.

Venne anche posto il problema, sempre da parte del PSDI, della permanenza di Ippolito nella carica di segretario generale del CNEN e con­temporaneamente in quella di consigliere di amministrazione dell’ENEL. Saragat insisteva nel dire che la polemica sull’ente nucleare non era una storiella di poco conto, ma un con­fronto serio fra due posizioni politiche fra chi, come lui, voleva che si affrontassero pro­blemi concreti come quel­lo della scuola, del lavoro e della sanità e chi invece mirava alla forma­zione di centri di po­tere per prendere in mano le leve di comando di tutta la vita na­zionale.

Sempre attraverso la stampa Saragat si sentì autorizzato a dare un giudizio molto seve­ro anche relativamente alla preparazione scientifica di Ippolito e colleghi, affermando che negli enti che predispongono spese per la parte atomica occorrerebbe gente responsabile che conoscesse profondamente la materia, vale a dire studiosi seri, affiancati da ammini­stratori oculati.

A ciò aggiunse considerazioni tecniche sottolineando il fatto che il progetto nucleare italiano per scopi civili, sotto il profilo pratico, era senza senso se non veniva por­tato avanti anche per scopi difensivi, insomma per produrre Plutonio destinato ad ordigni bellici. Praticamente secondo Saragat l’industria nucleare dedicata soltanto a produrre energia elettrica equivaleva, usando le sue stesse parole, “a una segheria per produrre soltanto segatu­ra.”

Oltre allo sperpero di denaro pubblico e al progetto relativo alla costruzione di ulteriori centrali nucleari, secondo il leader socialdemocratico, vi sarebbe anche il fatto che questi impianti non avrebbero potuto in alcun modo produrre energia elettrica a prezzi competitivi rispetto alle altre fonti tradizionali, ossia fondamentalmente petrolio e carbone. In altre parole il nucleare sarebbe stato antieconomico e quindi all’Italia conveniva rimanere fuori dal settore.

Ma in quale senso Saragat intendeva questa convenienza? Non è che forse a suo giudizio, per essere maliziosi, era conveniente emarginare Ippolito per fare un favore agli Stati Uniti? I tempi ormai per dare il colpo di grazia al “Mattei atomico” erano maturi.

Il fronte dei difensori di Ippolito si ruppe quando la Corte dei Conti espresse delle perplessità sull’incompatibilità fra le cariche ricoperte dal professore napoletano nel CNEN e nell’ENEL e l’insinuazione di affari poco puliti fra l’ente e una società in cui la stessa sua fa­miglia sarebbe stata interessata.

A questo punto Ippolito dichiarò che avrebbe tutelato la propria onorabilità nelle sedi competenti e nello stesso tempo si diceva però disponibile a rinunciare all’incarico di membro del Consiglio di ammi­nistrazione del­l’ENEL. A dare la pugnalata mortale al professore napoletano fu il mini­stro dell’industria che lo allon­tanò sia dall’ENEL che dal CNEN. Era il preludio della fine.

Il 3 marzo 1964, a conclusione di una istruttoria sommaria sul suo operato, durata tre mesi, Ippolito venne tratto in arresto nella sua casa di Roma, tradotto in carcere, e poco dopo rinviato a giudizio. La conduzione del processo fu caratte­rizzata da un atteggiamento particolarmente fiscale per una serie di intimidazioni da parte del pubblico ministero verso i testimoni favorevoli a Ippolito, un comportamento criticato oltre che da quella italiana anche dalla stampa estera.

I capi di imputazione elencati dal “Corriere della Sera” per presunte irregolarità amministrative del CNEN erano quelli di peculato aggravato e continuato, falso in atto pubblico e abuso di potere. Ippolito avrebbe speso soldi dello Stato per viaggi non dovuti all’attività del CNEN. Le accuse riguardavano anche la sua vita privata per l’acquisto di una villa del valore di una ventina di milioni e dell’acquisto di due automobili una delle quali trasferita per uso privato a Cortina d’Ampez­zo, dove egli possedeva una casa arredata con opere d’arte e pezzi di antiquariato di valo­re.

Rispetto ad alcune accuse Ippolito ammise le proprie responsabilità e al fine di evitare uno scandalo nazionale triste per la sua vita e ignobile per il Paese preferì versare i nove milioni di lire che secondo l’accusa avrebbe prelevato dalle casse del CNEN per spese personali ed ora pretesi dalla Corte dei Conti. Molte di quelle imputazioni tuttavia non solo erano false ma anche inverosimili. Ad esem­pio gli venne contestato l’utilizzo per una sola volta a scopo personale di una “campagnola” del CNEN e per aver fatto acquistare borse di finta pelle da distribuire ai giornalisti con dentro gli stampati illustrativi dell’attività dell’En­te.

Quante penne per gli appunti, quante “colazioni di lavoro”, quante “ventiquattrore”, bu­ste e borse vengono distribuite ad ogni incontro fra enti pubblici e stampa senza produrre scandalo? Lo scienziato napoletano a questo proposito ricordò che dallo stesso Ente gli fu regalata una penna d’oro che valeva da sola di più di tutte quelle borse in finta pelle che vennero distribuite ai giornalisti presenti a quell’incontro.

In verità i fatti contestati erano in gran parte dubbi e di modesta entità, mentre la con­danna fu pesantissima, e in molti ritennero che la vicenda giudiziaria sia stata una farsa orchestrata per togliere di mezzo Ippolito e stroncare la nascente industria nucleare italia­na in favore della potente filiera petrolifera gestita dalle Sette Sorelle. Termine quest’ultimo coniato da Mattei per indicare le potenti compagnie che dominarono per una trentina d’an­ni, fino alla crisi del 1973, la produzione petrolifera mondiale. La richiesta del pubblico ministero fu di ventuno anni di reclusione, sedici milioni di multa e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Il 29 ottobre 1964 la sentenza della camera di consiglio condannò Felice Ippolito a undici anni e quattro mesi di reclusione e al pagamen­to di sette milioni di ammenda mentre confermò l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. In appello l’attività criminosa verrà ridotta ad una serie di favoritismi, di clientelismo e di leggerezza gestionale favorita da particolari condi­zioni di di­sordine amministrativo e orga­nizzativo causato forse anche dal­l’ente in vertigino­sa cresci­ta. La pena scese a cinque anni e tre mesi di reclusione di cui uno condona­to. Edoar­do Amaldi, l’artefice della ricostruzione della fisica italiana del dopoguerra e stret­to collabo­ratore di Ippolito, commentò il provve­dimento affermando che per l’Italia si trat­tò di “una sconfitta grave quanto lo fu Caporetto”.

Dopo due anni e venti giorni passati nel carcere di Rebibbia Felice Ippolito ottenne la li­bertà provvisoria e nel marzo del 1968 Giuseppe Saragat, il suo stesso primo accusatore, che nel frattempo era diventato Presidente della Repubblica, gli concesse la grazia resti­tuendogli i diritti civili e la facoltà di tornare all’insegnamento.  La vita da detenuto la passò riempiendola con molte letture, molto studio e alla scrittura di un saggio relativo alla nazionalizzazione delle ferrovie. Appena tornato in libertà entrò immediatamente nell’agone culturale. A set­tembre di quello stesso anno uscì il primo numero di “Le Scienze” edizione italiana di “Scientific American”. Egli fu non solo il fondatore, ma fino al 1995, anche direttore del mensile. Morì a Roma il 24 aprile del 1997.

Da quella seconda Caporetto individuata da Amaldi, l’Italia non si è più ripresa ed anzi ha perso anche quel poco di indipendenza energetica che era stata creata con l’opera di Ippo­lito. L’incidente di Chernobyl e il referendum che ne seguì posero la fine definitiva alla creazione in Italia di energia elettrica con il nucleare. L’Energia Nucleare del CNEN si trasformerà in Energia Alternativa dell’ENEA.

Fabrizio Conti

UN COMMENTO

  1. Mattei ed Ippolito accomunati dal desiderio di un’Italia indipendente: energeticamente e politicamente. Percio’ fastidiosi ai “Poteri Forti” e pertanto tolti di mezzo appena possibile…

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.