Soldati del Ministero per le Situazioni di Emergenza russo.
Soldati del Ministero delle Emergenze della Federazione Russa

In Russia molte testate, tra i quali i giornali Tass, Ria Navosti ed Izvestia, oltre che alle informazioni reperibili sui siti giornalistici vz.ru, tvc.ru ed altri, riportano che Mosca è intenzionata ad inviare squadre per fornire supporto tecnico all’Italia nelle zone colpite dal devastante terremoto del 24 agosto.

Le squadre verrebbero inviate dal Ministero delle Situazioni di Emergenza russo. Inoltre, gli stessi media riportano che il Ministero delle Emergenze russo è intenzionato ad inviare in Italia quattro complessi mobili diagnostici “Struna”, al fine di ispezionare lo stato degli edifici nella zona del terremoto.

Con l’aiuto di questi complessi, gli specialisti russi saranno in grado di determinare l’entità del danno agli edifici, la loro stabilità ed il loro potenziale per un ulteriore sfruttamento.

I precedenti

La notizia ha un suo fondamento storico: i complessi mobili “Struna” erano già stati impiegati in Italia nella primavera del 2009, in seguito al devastante terremoto a L’Aquila.

Inoltre nelle situazioni provocate da tragici terremoti, la Russia è stata tradizionalmente vicina all’Italia da oltre un secolo, dal terremoto di Messina del 1908 – quando i marinai della flotta imperiale russa, che si trovava nel porto di Augusta per delle esercitazioni, furono i primi a portare soccorso alla popolazione, – ad oggi.

Silvia Vittoria Missotti

2 COMMENTI

  1. I nomi dei giornali che danno la notizia sono riportati apposta, perché la notizia possa essere verificata da chi vuole. È in russo, certo, ma chi vuole può verificare. Basta google translator.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome