Donald Trump

AGGIORNAMENTO 13.00: Arrivano le dichiarazioni di Salvini: “È la vittoria del popolo contro le elitès, contro le banche”

AGGIORNAMENTO 12.00: La Cina vuole mantenere relazioni bilaterali “solide e stabili” con il nuovo presidente degli Stati Uniti e i legami commerciali sviluppati tra Pechino e Washington “sono di reciproco beneficio ai due Paesi piu’ che causa di problemi” nelle relazioni bilaterali. È il commento del Ministero degli Esteri cinese sulle elezioni negli Stati Uniti (emesso poco prima della vittoria finale del candidato repubblicano Donald Trump nella corsa alla Casa Bianca, contro la rivale democratica, Hillary Clinton).

“Abbiamo seguito le elezioni [americane] con attenzione e vorrei congratularmi con il popolo americano per la fine del ciclo elettorale e vorrei congratularmi con Donald Trump per la vittoria.

Abbiamo sentito i suoi slogan da candidato e ha detto di voler riprendere le relazioni [tra Mosca e Washington] e tornare ad un dialogo con la Russia.

Noi sappiamo che la strada per arrivare a questo obiettivo è difficile viste le relazioni attuali tra USA e Russia, e come ho detto più volte, non è colpa nostra se siamo in questa situazione ma la Russia è pronta e vuole ristorare le relazioni al pieno.

Capiamo che è difficile ma siamo pronti a fare la nostra parte e faremo qualunque cosa per rimetterle su un tracciato di sviluppo reciproco.

Questo servirà per entrambi e i benefici avranno impatti positivi per tutto il mondo vista l’importanza di Russia e USA per la sicurezza globale.” 

Queste le parole di Vladimir Putin nel messaggio di congratulazioni a Donald Trump.

AGGIORNAMENTO 10.30: Non sono mancate le reazioni da parte delle cancellerie e dei politici del resto del mondo.

Il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, ha inviato nella prima mattinata un telegramma di congratulazioni a Donald Trump. Prevedibili le reazioni positive degli euroscettici come Marine Le Pen e Nigel Farage.

Martin Schulz presidente del Parlamento Europeo esprime le sue preoccupazioni sui rapporti Usa-Ue, mentre la Ue invita Trump a incontrarsi con i rappresentanti dell’Unione.

Per quanto riguarda l’Italia, il Premier Matteo Renzi augura buon lavoro al nuovo Presidente degli Usa, Donald Trump: “Rapporti con l’Italia solidi” specifica il presidente del consiglio.

AGGIORNAMENTO 8.50: Parla Donald Trump alla Trump Tower dove si tiene il suo collegio elettorale: “Abbiamo ricevuto la chiamata della Clinton, lei si è congratulata con noi. Lei si è comportata molto bene e dobbiamo ringraziarla per quello che ha fatto in questo paese” ha esordito Trump.

“Mi impegno per essere il presidente di tutti gli americani, mi rivolgo a tutti quelli che non mi hanno sostenuto in passato, vogliamo creare un’unica grande America, ditemi voi come sanare le ferite.

La nostra non è stata una campagna, ma un movimento incredibile di uomini e di donne che vogliono creare un futuro per loro stessi e per i loro figli. Lavorare insieme ci porterà alla ricostruzione del nostro paese, questo governo sarà al servizio di questa gente.

Ogni singolo americano avrà la possibilità di veder sviluppato il proprio potenziale, questo paese ha grande potenziale, ricostruiremo le infrastrutture ricostruiremo le città in disarmo, nessuno resterà indietro, e saranno grandi città. Ci occuperemo dei nostri veterani, che sono grandissime persone, creeremo un progetto di crescita nazionale utilizzando i tanti talenti che sono presenti nel nostro paese, raddoppieremo la crescita e torneremo il più grande paese del mondo.

Non c’è nessuna sfida che possa mettere in difficoltà il nostro paese, dobbiamo sognare in maniera grande, abbiamo tanti sogni per il nostro paese. Metteremo al primo posto gli interessi americani, ma andremo d’accordo con tutti i paesi e cercheremo una base comunque di dialogo, non l’ostilità non lo scontro.

Voglio ringraziare quelli che hanno reso possibile una vittoria, che molti hanno già definito una giornata storica. Vorrei ringraziare innanzitutto i miei genitori che mi guardano da lassù, voglio ringraziare le mie sorelle e mio fratello Robert e mio fratello Fred. Una fantastica famiglia,sono molto fortunato. Vorrei ringrazia Melania (la moglie) e i miei figli. Vi amo, vi adoro e vi ringrazio per aver speso tutte quelle ore per me, è stata veramente dura, la vita politica è dura. Vi ringrazio veramente tutti è un gruppo fantastico!

Voglio infine ringraziare il nostro ex Sindaco Rudy Giuliani” queste principalmente le dichiarazioni del 45° presidente degli Stati Uniti.

***

Al momento in cui scriviamo queste righe manca l’ufficialità; tuttavia, CNN a parte, nessuno ha più alcun dubbio: Donald Trump ha vinto le elezioni ed è quindi il nuovo presidente degli Stati Uniti.

Trump ha ottenuto una vittoria straordinaria, perché lottava sia contro la Clinton che contro il proprio stesso partito.

Il distacco è netto, e la Clinton in generale non è mai stata in partita, se non nei soliti sondaggi tendenziosi, rivelatisi poi, come sempre (vedi Brexit) a dir poco falsi. In alcuni stati chiave, in effetti, i due candidati hanno lottato testa a testa.

Anche per le elezioni legislative hanno vinto i repubblicani. I democratici pagano la rabbia e la delusione suscitata dagli otto anni di Obama, e le preoccupazioni riguardo la corruzione e la salute della Clinton.

Massimiliano Greco

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.