Maria Laura Paxia (M5s) ha scelto i social per dire la sua sul contestato emendamento al Decreto crescita che ha messo in allarme Coldiretti e fatto intervenire il ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio (Lega).

“Ho presentato 3 emendamenti in commissione per la tutela delle imprese e del Made in Italy, iniziamo ad esaminarli e poi sarete voi a giudicare”. Inizia così il post su Facebook della deputata catanese.

Poi Paxia entra nei dettagli: Il primo emendamento riguardava i marchi storici. Grazie a questa norma siamo riusciti a tutelare maggiormente i nostri marchi storici, andando a intervenire su chiusure, licenziamenti di massa e delocalizzazioni, come nel caso recentissimo di Knorr; il secondo istituiva il marchio 100% Made in Italy (come già da mia proposta di legge depositata ad inizio legislatura). Marchio da assegnare a quei prodotti costituiti e derivanti da materie prime italiane e con una filiera interamente svolta sul territorio nazionale. Emendamento, vorrei ricordare, cancellato per “merito” dei colleghi della Lega; il terzo emendamento infine, dava la possibilità di inserire l’emblema di stato sul marchio made in italy. Proposta motivata dalle numerose richieste pervenute dal mondo produttivo in merito all’opportunità di assicurare maggiore tutela all’origine delle merci, alla luce della crescita delle problematiche connesse alla contraffazione riscontrata negli ultimi anni sui mercati extra-UE e al fenomeno dell’Italian Sounding”.

“La proposta, argomenta ancora la pentastellata, prevedeva che le imprese che producono beni con reale origine Italiana, potevano apporre sulle proprie merci un simbolo grafico recante insieme l’emblema dello Stato e la dizione ‘Made in Italy’. Questo perché il simbolo grafico, inserito in un contrassegno antifalsificazione, che è al contempo una ‘carta-valori’, di diverse tipologie a seconda delle necessità dei produttori, avrebbe assicurato al consumatore finale che il bene fosse originalmente e effettivamente prodotto in Italia e avrebbe tutelato il prodotto dalla contraffazione. Inoltre il segno, così come era stato da me proposto, costituiva un elemento rafforzativo di garanzia per il fatto di contenere l’emblema della Repubblica Italiana, che gode della tutela internazionale per gli Emblemi degli Stati sovrani”.

Poi un affondo, polemico, indirizzato agli “alleati” della Lega e, indirettamente, anche a Coldiretti che ha sollevato la questione: “Vi sembra che io abbia fatto mai proposte o abbia effettuato misure contro il made in Italy? Oppure traspare la mia volontà a tutelare i cittadini e le imprese? Il fatto che gli ultimi due emendamenti non siano passati mi fa molto pensare. Forse qualcuno è pronto a intestarsi anche questa battaglia?”.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.