Il ministro delle Finanze ucraine Natalia Yaresko nel suo discorso ai cittadini ha detto che l’Ucraina è pronta a smettere di pagare i suoi debiti esteri, perche i creditori stranieri “si rifiutano di contribuire al ripristino dell’integrità territoriale dell’Ucraina”. Questo è stato riportato sul sito ufficiale del Ministero delle Finanze e poi diffuso da Ruposters.ru.

Secondo il ministro delle Finanze, il popolo ucraino ha “pagato un prezzo molto alto per il suo futuro europeo”, in modo che il peso della situazione economica e finanziaria in Ucraina dovrebbero essere divisi tra FMI , creditori ufficiali e creditori commerciali. E se i primi due gruppi hanno fatto concessioni e compromessi, dei creditori esteri commerciali Yaresko è insoddisfatta – ha aggiunto:: “si rifiutano ancora di contribuire alla restaurazione ucraina” e quindi il governo intende smettere di pagare i propri debiti nei loro confronti.

“Il governo è consapevole del fatto che i creditori possano non porsi l’obiettivo di raggiungere un accordo sulla questione dell’assistenza all’Ucraina, e continuerànno a bloccare la restaurazione. In questo caso, il governo è pronto ad utilizzare i diritti legali esistenti, per smettere di pagare i creditori stranieri internazionali, per proteggere l’economia ucraina e salvare le proprie risorse finanziarie fino a quando si raggiungerà un accordo accettabile” – si dice in un comunicato ufficiale.
In precedenza, il Ministero delle Finanze ucraino ha confermato la previsione dell’analista di Goldman Sachs sulla probabilità di default dell’Ucraina nel mese di luglio.

Articolo tradotto e adattato da Elina Mellarini

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome