Vladimir Zelensky

Come prevedibile in Ucraina le presidenziali andranno al ballottaggio. Quando mancano ancora alcune manciate di voti da scrutinare i risultati danno Vladimir Zelensky in testa con il 30% delle preferenze, mentre il presidente in carica Petro Poroshenko ribalta i sondaggi e scavalca al 16% la candidata ed ex presidente Yiulia Timoshenko, che non ha ottenuto più del 13%.

Saranno quindi il comico ucraino Zelensky e il presidente uscente Poroshenko a sfidarsi per il secondo turno che decreterà il prossimo presidente della Repubblica sempresidenziale Ucraina il prossimo 21 aprile. Ma sarebbero molteplici le segnalazioni di frodi e di brogli elettorali verificatesi durante il voto, tali che potrebbero indurre Mosca a non riconoscere i risultati delle presidenziali ucraine, secondo quanto dichiarato dal senatore della Federazione Russa Konstantin Kosachev.

I risultati del primo turno hanno suscitato i primi commenti: alcuni esponenti delle repubbliche autonomiste del Donbass ritengono che un’eventuale vittoria di Zelensky non cambi nulla sul tema della guerra civile nel sud-est del paese. Il comico ora candidato presidente è accusato di aver eseguito degli spettacoli nelle zone di guerre per i militari e i gruppi paramilitari del governo ucraino.

Il deputato della Duma russa Leonid Slutsky ha invece dichiarato ai media che il risultato basso ottenuto da Poroshenko dimostrerebbe il fallimento della sua linea politica pro-Maidan. Secondo Slutsky né il supporto dell’Occidente, né il colpo di stato del 2014 hanno aiutato Poroshenko a riconfermarsi nettamente alla guida del paese. Tuttavia “è necessario aspettare – avverte il deputato russo – per le conclusioni riguardo possibili violazioni del voto. Non si può escludere – spiega Slutsky – che Poroshenko è in grado di vincere il ballottaggio grazie al supporto della macchina amministrativa e relativi brogli”.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.