Aquarius

Aggiornamento: la marina italiana caricherà a bordo i 629 migranti su due navi e si incaricherà di portarli nel porto di Valencia. Secondo Sos Mediterranee sarebbe stato un viaggio difficile quello verso la Spagna con previsioni atmosferiche in via di peggioramento.

***

La nave Aquarius che era partita sabato scorso dalle coste libiche con 620 persone a bordo, approderà in Spagna, sulla costa valenciana.

Dopo il braccio di ferro con l’Italia e le polemiche con Malta, Madrid ha deciso di accogliere la nave battente bandiera di Gibilterra.

“Evidentemente alzare garbatamente la voce paga” ha commentato il Ministero degli Interni Salvini, impegnato in conferenza stampa per rispondere alle domande sulle amministrative. “La nave Aquarius andrà in Spagna per il buon cuore degli spagnoli, ma l’Europa non può fondarsi sul buon cuore” – ha sottolineato Salvini ai giornalisti presenti – “nel Mediterraneo sono presenti navi di tutta europa e nessuna di questa batte bandiera italiana: è l’ora di dire no”.

“L’Italia – prosegue Salvini – non vuole più metterci le pezze e dire no, ma vuole proporre iniziative in sede di Unione Europea, vogliamo riformare i trattati non solo dal punto di vista economico, ma anche dal lato della Sicurezza”.

Insieme alla Aquarius verrà respinta dallo Stato italiano anche la nave tedesca Sea Watch 3. È un vero cambiamento di vedute al Ministero dell’Interno rispetto al recente passato. Tuttavia nelle ultime ore sembrerebbe che la Aquarius ancora non abbia accettato di attraccare nel porto di Valencia, mentre l’Italia accoglierà domani 900 immigrati clandestini, raccolti con la nave Digione della Marina Militare. La nuova linea dettata dal Ministero degli Interni e di accettare soltanto imbarcazioni battenti bandiera italiana, che effettuano i corretti controlli sulle condizioni umanitarie, nessun nulla osta invece alle ong straniere.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected].

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.