Assad a Hmeimim, base militare russa

Nel giorno in cui l’establishment degli Stati Uniti tenta ancora una volta la carta delle “armi chimiche” contro il governo siriano assistiamo a un fatto che a molti è passato inosservato: la visita del presidente Bashar al-Assad alla base russa di Hmeimim (Latakia).

Guidato dall’attuale capo dell’Esercito Russo, il Generale Valery Gerasimov, Bashar Al-Assad ha passato in rassegna le migliori unità da combattimento delle forze armate russe, dal caccia Sukhoi Su-35, i mezzi corazzati dell’esercito e i reparti speciali schierati.

A fine rassegna Bashar Al-Assad ha scritto un messaggio rivolto alle autorità di Mosca. Nel libro dei visitatori della base, Assad scrive: “Con la massima felicità e con orgoglio, oggi ho visitato la base militare di Hmeimim e ho incontrato i combattenti e i piloti eroici che provengono dalla Federazione Russa, che sono giunti in Siria per contribuire al fianco dei loro fratelli siriani, gli eroi dell’esercito arabo siriano, nel difendere la giustizia, i diritti dei popoli e la morale umana, e ad unirsi al popolo siriano a difendere la loro terra d’origine, l’unità, la sovranità, la resistenza e la lotta contro i terroristi che provengono da tutto il mondo.

La Russia ha fornito armi e munizioni per sostenere la Siria nella sua guerra contro il terrorismo, ma soprattutto ha fornito il sangue. Il popolo siriano non dimentica che i loro fratelli russi stavano al loro fianco in questa guerra patriottica. Saluto a tutti i combattenti russi, ai comandanti della base Hmeimim, alle autorità militari russe e il saluto più grande al presidente Vladimir Putin”.

La base di Hmeimim situata nei pressi di Latakia è gestita dal personale militare russo e viene costantemente utilizzata dall’aviazione russa per le missioni anti terrorismo, nel gennaio 2017 la Russia ha firmato un memorandum con la Siria per l’affitto della base per i prossimi 49 anni, rinnovabile per altri 25.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome