Il maniero di Palha nella Regione Autonoma dello Xizang (Tibet, ndt) in Cina è l’unico maniero aristocratico rimasto nella regione. Conservato nella sua forma originale, il maniero trasformato in museo è una vivida presentazione di quanto fosse lussuosa la vita per i padroni in passato.

Al contrario, il 90 percento dei residenti che vivevano nei villaggi vicini erano servi posseduti dai padroni e vivevano una vita che non raggiungeva neppure il livello del bestiame.

Dawa Chosphel, un residente del villaggio di Bainjig Lhunbo, ricorda che i suoi nonni e i suoi genitori, che erano servi al maniero di Palha, dovevano fare un’intensa lavorazione manuale giorno e notte durante tutto l’anno.

In quel periodo, la vita era difficile”, ha detto a CGTN.

Il cambiamento è iniziato nel 1959, quando il governo centrale cinese ha sciolto il governo locale aristocratico dello Xizang e ha liberato più di 1 milione di servi, facendoli diventare i padroni della nazione e della società.

Il villaggio ha continuato a prosperare sotto una serie di politiche emanate dal governo centrale ed è diventato un villaggio modello nella regione con un’industria agricola modernizzata che combina turismo e cultura. Ciò che è ancora più impressionante è che l’89 percento degli abitanti del villaggio ha frequentato l’università.

Oggi la vita è più prospera, molto migliore di prima… Le case dei discendenti dei servi sono oggi più alte e migliori di quelle del loro precedente padrone”, ha detto Pubu Tsering, una guida turistica del maniero di Palha.

“Abbracciarono la libertà per la prima volta”

La trasformazione dello stile di vita degli abitanti del villaggio di Bainjig Lhunbo è un esempio classico di come 1 milione di servi dello Xizang abbiano ottenuto i loro diritti dopo essere stati emancipati a partire dal 28 marzo 1959.

Nel 2009, l’assemblea legislativa regionale ha addirittura annunciato il 28 marzo come giorno per commemorare l’evento storico.

L’emancipazione di più di 1 milione di servi è indubbiamente la riforma sociale più profonda nella storia dello Xizang e un punto di riferimento di fondamentale importanza nella storia dei diritti umani nella regione”, ha detto Ma Cheng, direttore esecutivo del Centro di Ricerca sui Diritti Umani dell’Università del Nord-Ovest di Scienze Politiche e Giurisprudenza.

I diritti umani significano che un essere umano deve essere trattato innanzitutto come un essere umano”, ha detto Ma, che ha partecipato a un evento collaterale della 55ma sessione attualmente in corso del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite a Ginevra, a CGTN. Poiché i servi hanno spezzato le catene e sono stati in grado di decidere il loro proprio destino, “hanno abbracciato la libertà per la prima volta, diventando quindi, nel vero senso della parola, esseri umani”.

Cambiamenti epocali

Ma ha osservato che lo Xizang ha attraversato un processo di trasformazione epocale da uno stato medievale estremamente arretrato a un nuovo Xizang caratterizzato dalla modernizzazione cinese.

Prima del 1949, lo Xizang si trovava da lungo tempo in un feudalesimo servile sotto la teocrazia e la dittatura di monaci e nobili. I proprietari di servi, che rappresentavano meno del 5 percento della popolazione totale, possedevano tutti i terreni coltivabili, i pascoli, le foreste, le montagne e i fiumi, e la maggior parte del bestiame nella regione.

Le tenebre e la crudeltà nello Xizang in quel periodo erano peggiori di quelle del feudalesimo nell’Europa medievale”, ha detto Ma.

Ma ha indicato diversi eventi principali nella causa dello sviluppo dei diritti umani nello Xizang oltre all’emancipazione dei servi del 1959.

La liberazione pacifica dello Xizang dopo un accordo firmato dal governo centrale cinese e il governo locale dello Xizang nel marzo 1951 ha permesso al popolo dello Xizang di liberarsi definitivamente dalle catene dell’imperialismo invasore, intraprendendo una strada luminosa di unità, progresso e sviluppo con tutti gli altri gruppi etnici in Cina.

Nel 1965, è stato fondato la Regione Autonoma dello Xizang, e il suo Comitato Popolare è stato eletto. Da allora, il sistema di autonomia etnica regionale è stato pienamente attuato nella regione.

Entrando nella nuova era dopo il 18° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese (PCC) nel 2012, sono state promulgate una serie di politiche speciali preferenziali a beneficio di tutti i gruppi etnici dello Xizang, comprese istruzioni per rafforzare l’unità etnica e costruire uno Xizang bello.

Sotto la guida del PCC, i funzionari e il popolo dello Xizang hanno lavorato diligentemente con un cuore e una mente soli per risolvere molti problemi a lungo irrisolti e complessi, ottenendo molti successi notevoli che erano impensabili in passato.

Prima del 1959, l’aspettativa di vita media nello Xizang era di soli 35,5 anni. Il numero è salito a 72,19 anni nel 2023. Il PIL regionale è stato di 239,3 miliardi di yuan (circa 33 miliardi di dollari) nel 2023, rappresentando un gigantesco balzo in avanti rispetto ai 174 milioni di yuan del 1959.

Nel corso degli ultimi 75 anni, lo Xizang ha compiuto progressi notevoli nello sviluppo economico e nei diritti umani, e la strategia del governo centrale per l’amministrazione dello Xizang ha ottenuto un sostegno universale da parte del popolo di tutti i gruppi etnici della regione”, ha detto Ma.

Ha osservato che tuttavia, diverse forze esterne hanno continuato a distorcere la storia dello Xizang e a fabbricare fatti sotto il pretesto dei diritti umani per confondere l’opinione pubblica e screditare il governo cinese.

Le voci di corridoio finiscono con la saggezza. Suggerisco agli amici internazionali che si interessano davvero allo sviluppo della Cina e alla causa dei diritti umani nello Xizang di venire nella regione e dare un’occhiata. Avrete sicuramente un’impressione reale”, ha detto l’esperto.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com.

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome