Sinossi

Era il 2018 quando Raúl Antonio Capote pubblicava il libro La guerra que se nos hace, nel quale denunciava i piani dei servizi segreti statunitensi per rovesciare il governo cubano e porre fine all’esperienza socialista sull’isola caraibica. Nell’arco degli ultimi anni, la situazione internazionale ha subito repentini sconvolgimenti, come la pandemia di Covid-19, che hanno reso necessaria la pubblicazione di un nuovo testo aggiornato, nel quale l’autore affronta le tematiche più scottanti senza limitarsi unicamente al caso cubano.

In Cuba e il mondo tra libertà e schiavitù, Capote svela i piani con i quali gli Stati Uniti cercano di perseguire il proprio obiettivo di un mondo unipolare egemonizzato da Washington, attaccando con forme sempre più sofisticate di guerra ibrida i governi che non si piegano al loro volere. Questo libro permette al lettore di comprendere e approfondire le dinamiche internazionali contemporanee, comprese quelle che stanno portando il mondo sull’orlo di un conflitto tra grandi potenze.

Autori

Raúl Antonio Capote Fernández (L’Avana, 1961) è uno scrittore, storico, ricercatore e giornalista cubano, professore all’Università Pedagogica Enrique José Varona e membro dell’Unione degli storici di Cuba. In passato ha ricoperto il ruolo di agente doppio, lavorando sia per i servizi segreti cubani che per la CIA. Nel corso degli otto anni trascorsi nella CIA, per la quale aveva la missione di convertire i giovani universitari cubani in nemici della Rivoluzione, Capote ha avuto modo di conoscere in maniera approfondita il modo di agire dei servizi segreti statunitensi, che ha poi rivelato nelle sue pubblicazioni.

Tatiana Díaz Rodríguez (Santa Clara, Cuba, 1971), Master in Scienze Pedagogiche, docente, membro dell’Unione degli Storici di Cuba e dell’Unione dei Pedagoghi di Cuba, ha collaborato con diversi siti digitali cubani, tra cui Las Razones de Cuba.

Giulio Chinappi, nato a Gaeta nel 1989, è dottore in Scienze Politiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam, Paese nel quale risiede tuttora. È coautore di Contrasto al Covid-19: La risposta cinese (2020, Anteo Edizioni), Kim Jong Un. Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (2020, Anteo Edizioni) e di Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (2020, PM Edizioni). Infine ha curato Simón Bolívar, L’epopea del Libertador e il sogno della Patria Grande (2020, Anteo Edizioni) e Thomas Sankara, Discorsi e interviste del rivoluzionario burkinabé. Vol. 1: Anni 1982-1985 e Vol. 2: Anni 1986-1987 (2021, Anteo Edizioni).

Titolo: Cuba e il mondo tra libertà e schiavitù

Autori: Raúl Antonio Capote – prefazione di Tatiana Díaz Rodríguez – traduzione di Giulio Chinappi

Editore: Anteo Edizioni

Anno di pubblicazione: 2022

Formati: cartaceo

Pagine: 144

Altri libri

Libro Rosso – Documenti fondamentali del PSUV (2022)

Discorsi e interviste del rivoluzionario burkinabé (Vol. 2) (2021)

Discorsi e interviste del rivoluzionario burkinabé (Vol. 1) (2021)

L’epopea del Libertador e il sogno della Patria Grande (2021)

Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (2020)

Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (2020)

Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (2020)

Storia delle religioni in Vietnam (2019)

Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018)

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com.

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome