Il 3 febbraio sono stati celebrati i 94 anni dalla fondazione del Partito Comunista del Vietnam (Đảng Cộng sản Việt Nam), un’occasione per ricordare i grandi risultati ottenuti dalla sua fondazione fino ad oggi, come dimostrano i numerosi articoli pubblicati sia dalla stampa vietnamita che da quella estera. Fondato nel 1930 a Hong Kong da Hồ Chí Minh e da altri comunisti vietnamiti, il PCV, dopo la vittoria della Rivoluzione nel 1945, ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo economico e sociale del Paese, dimostrando resilienza, flessibilità e leadership nel guidare il Vietnam verso il progresso.

Numerosi esperti e studiosi internazionali hanno riconosciuto l’importanza del PCV nel condurre il popolo vietnamita a numerose vittorie durante la costruzione nazionale e la difesa del Paese. Juan Castillo, Segretario Generale del Partito Comunista dell’Uruguay, ha sottolineato il ruolo primario svolto dal PCV nel promuovere lo sviluppo sostenibile. La guida del PCV ha portato il Vietnam sulla strada del socialismo e del progresso attraverso la causa del “Đổi mới” (Rinnovamento), un percorso che ha visto il Paese affrontare le sfide con flessibilità ed adattabilità, ha ricordato Castillo, facendo riferimento alle riforme economiche lanciate nel 1986.

Gastón Fiorda, esperto di questioni dell’Asia sud-orientale presso la Radio Nazionale dell’Argentina, ha evidenziato la capacità del PCV di rispondere con successo a ogni sfida delle diverse epoche che ha attraversato nella sua storia. Lo sviluppo del Vietnam, soprattutto nell’infrastruttura dei trasporti pubblici e nelle moderne aree urbane, è stato impressionante, secondo il parere di Fiorida. L’esperto argentino attribuisce questi successi alla leadership del PCV, che ha creato una società politicamente stabile con politiche di sviluppo a lungo termine.

Dal canto suo, Amikam Levy, ex Ambasciatore israeliano in Vietnam, ha sottolineato la visione e l’impegno dei leader del PCV nel costruire un Paese più forte e garantire felicità e prosperità per il popolo. Secondo Levy, le scelte di direzione e la leadership forte del Vietnam si sono sempre rivelate come chiare ed efficaci.

Laura Hernández, Direttrice dell’Istituto di Educazione presso l’Università Centrale del Venezuela, e Juan Gámez, docente presso l’Università Simón Bolívar in Venezuela, hanno espresso ammirazione per i successi della causa del “Đổi mới” guidata dal PCV. I due accademici venezuelani considerano il Vietnam un esempio per altre nazioni nella lotta per l’indipendenza e la felicità del popolo.

Grigorij Trofimčuk, Presidente del Consiglio degli Esperti della Russia della Fondazione di Ricerca Eurasiatica, utilizza l’immagine di un “faro duraturo sul cammino scelto” per sottolineare il ruolo guida del PCV nella rivoluzione, nella costruzione e nello sviluppo del Vietnam. Aggiunge che il PCV è diventato un fattore di stabilità e sicurezza non solo per il Vietnam, ma per l’intero sud-est asiatico e oltre, contribuendo alla reputazione globale del Paese.

A dimostrazione dei risultati ottenuti dal governo guidato dal PCV, il rapporto Asia House Annual Outlook 2024, recentemente pubblicato, prevede che l’economia vietnamita continuerà a superare i suoi vicini regionali grazie alla sua apertura economica e a solide fondamenta. Secondo le previsioni pubblicate nel documento, gli investimenti esteri diretti (IDE) nel settore manifatturiero continueranno la propria crescita, attirando sempre più investitori stranieri desiderosi di diversificare le loro catene di approvvigionamento. La trasformazione digitale del Vietnam, con significativi investimenti in intelligenza artificiale e blockchain, promette di posizionare il Paese come un attore globale nel settore tecnologico, il che fornirà un ulteriore contributo alla sua crescita in diversi settori.

Ad oggi, il Vietnam si distingue nel settore delle criptovalute e dei progetti blockchain, con oltre 200 progetti attivi. L’adozione di tecnologie all’avanguardia, come l’IA e la blockchain, contribuirà alla crescita di settori chiave come l’agricoltura di precisione. La leadership del Vietnam nella finanza verde, con l’emissione di obbligazioni verdi e incentivi regolatori, dimostra il suo impegno per la sostenibilità ambientale.

Anche la CNBC riconosce il Vietnam come uno dei tre mercati più performanti dell’Asia-Pacifico nel primo semestre del 2024. La crescita economica prevista tra il 6% e il 6,5%, insieme all’ottimismo degli investitori, rende il Vietnam attraente per chi cerca opportunità di investimento, secondo quanto affermato dall’emittente specializzata in temi economici e finanziari. La leadership del PCV, unita a una forza lavoro dinamica e a iniziative come “Make in Vietnam”, ha svolto un ruolo fondamentale nel posizionare il Paese per un futuro prospero.

Gli esperti vietnamiti e internazionali concordano dunque nell’affermare che il Partito Comunista del Vietnam ha giocato e continua a giocare un ruolo cruciale nello sviluppo sociale ed economico del Paese. La sua guida lungimirante, la resilienza e l’impegno per il progresso hanno plasmato il Vietnam in una nazione che attrae l’attenzione globale per i suoi successi e la sua determinazione a costruire un futuro migliore per il suo popolo.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com.

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome