Il 2023 segna il 20º anniversario dell’istituzione del partenariato strategico globale tra la Cina e l’UE e il 25º anniversario del meccanismo di incontri tra i leader della Cina e dell’UE. Il 7 dicembre si è tenuto a Pechino il 24º Vertice Cina-UE, il primo incontro di persona dal 2019. Durante il vertice, il Presidente cinese Xi Jinping ha sottolineato che Cina e UE dovrebbero essere partner per una cooperazione reciprocamente vantaggiosa, rafforzare la fiducia politica bilaterale, costruire un consenso strategico, consolidare i legami di interesse comune, evitare interferenze di vario genere, e intensificare il dialogo e la cooperazione per il bene dei loro popoli. In un’intervista esclusiva con i reporter del Global Times Chen Qingqing e Bai Yunyi a seguito del vertice, Fu Cong, capo della Missione cinese presso l’UE, ha parlato degli esiti del vertice, delle prospettive future delle relazioni Cina-UE e delle sfide rimanenti nelle relazioni.

Il 24º Vertice Cina-UE si è tenuto a Pechino il 7 dicembre. Quali risultati ha ottenuto l’incontro? Qual è, a suo parere, l’aspetto di maggiore importanza dell’incontro?

Questo Vertice Cina-UE ha coinciso con il 20º anniversario dell’istituzione del partenariato strategico globale tra la Cina e l’UE e il 25º anniversario del meccanismo di incontri tra i leader della Cina e dell’UE. Durante l’incontro, i leader di entrambe le parti hanno avuto uno scambio faccia a faccia esteso su questioni strategiche e di portata generale riguardanti le relazioni Cina-UE, nonché dialoghi e cooperazione in vari settori, questioni chiave per entrambe le parti, governance globale e questioni internazionali e regionali calde, raggiungendo importanti consensi su una serie di questioni, tra cui:

In primo luogo, sostenere chiaramente la stabilità strategica delle relazioni Cina-UE e consolidare la base politica. Entrambe le parti hanno concordato di utilizzare efficacemente il Vertice Cina-UE e i cinque meccanismi di dialogo di alto livello per migliorare la comprensione e la fiducia reciproche, gestire adeguatamente le differenze e rafforzare la stabilità e la reciprocità delle relazioni Cina-UE. La parte dell’UE ha ribadito la sua adesione alla politica di “una sola Cina”.

In secondo luogo, impegnarsi fermamente nell’apertura e nella cooperazione, rafforzando il dialogo e la cooperazione in settori chiave come il commercio e gli investimenti, lo sviluppo sostenibile, l’economia digitale, l’intelligenza artificiale, le indicazioni geografiche, la proprietà intellettuale e i controlli sulle esportazioni.

In terzo luogo, accelerare la ripresa degli scambi di personale tra Cina e UE, sostenere scambi culturali e tra persone più forti. Entrambe le parti hanno concordato di tenere una nuova sessione del meccanismo di dialogo tra persone di alto livello l’anno prossimo.

In quarto luogo, affrontare congiuntamente le sfide globali, praticare il multilateralismo, migliorare il coordinamento internazionale e promuovere riforme nell’OMC e nel sistema finanziario internazionale, affrontare congiuntamente i cambiamenti climatici, la biodiversità, la sicurezza alimentare, la salute pubblica e altre questioni globali.

In questo Vertice, i leader delle due parti non hanno aggirato le divergenze, si sono impegnati in una comunicazione approfondita sulle rispettive preoccupazioni con un atteggiamento franco e costruttivo. La Cina ha espresso in particolare preoccupazioni per il “de-risking” e le politiche commerciali ed economiche restrittive dell’UE, tra cui l’indagine anti-sovvenzioni contro i veicoli elettrici cinesi e questioni legate al 5G, esortando l’UE a mantenere aperto il suo mercato commerciale e degli investimenti, fornire un ambiente commerciale equo e non discriminatorio per le aziende cinesi e utilizzare prudentemente misure di rimedio commerciale.

Il Vertice Cina-UE di quest’anno, il primo incontro offline dall’inizio della pandemia di COVID-19, è stato molto apprezzato da entrambe le parti e ha ricevuto ampia attenzione.

Attualmente, con l’evoluzione rapida della situazione e cambiamenti senza precedenti nel corso dell’ultimo secolo, con una crescente instabilità nel panorama internazionale, un momento economico globale insufficiente e la comparsa di numerose sfide globali, le relazioni Cina-UE affrontano nuove opportunità e sfide. La comunicazione strategica faccia a faccia tra i leader non solo fornisce un nuovo impulso politico e dipinge una visione per lo sviluppo futuro delle relazioni Cina-UE, ma mette anche in evidenza l’impatto globale e la significatività mondiale delle relazioni Cina-UE, iniettando maggiore stabilità e certezza in un mondo pieno di tumulti.

Siamo disposti a lavorare con la parte dell’UE per implementare gli esiti di questo Vertice, aderire alla posizione di partenariato, cooperazione reciproca, dialogo e consultazione, gestire adeguatamente le differenze e promuovere lo sviluppo sano e stabile delle relazioni Cina-UE.

A partire dall’anno scorso, gli scambi di alto livello tra Cina ed Europa sono stati frequenti. Come interpreta questo fenomeno? Secondo lei, le relazioni Cina-UE sono uscite dal “periodo basso” degli ultimi anni, o sono ancora tese?

A partire dall’anno scorso, gli scambi e la cooperazione tra Cina e UE sono stati completamente ripresi. Sono stati ottenuti risultati significativi nei dialoghi di alto livello nei settori strategico, economico, commerciale, verde e digitale. Il meccanismo di dialogo tra persone di alto livello sta per essere riavviato, mostrando una tendenza positiva di ripresa e riscaldamento nelle relazioni Cina-UE.

Questo Vertice Cina-UE ha portato gli incontri di alto livello di quest’anno tra Cina ed Europa a un culmine. L’anno prossimo, entrambe le parti ripristineranno completamente i cinque principali meccanismi di dialogo di alto livello in strategia, economia, commercio, ambiente e clima, settore digitale e scambi tra persone. Si terranno anche dialoghi finanziari, industriali, sulla politica regionale, sulla politica della concorrenza e la prima riunione del gruppo di lavoro finanziario Cina-UE. Gli incontri di alto livello frequenti non sono solo un segno di ripresa e riscaldamento delle relazioni Cina-UE, ma svolgono anche un ruolo guida e trainante importante nelle relazioni bilaterali, indicando che rafforzare gli scambi e la cooperazione tra Cina ed Europa è una tendenza generale e l’aspirazione delle persone, ed è una corrente storica inarrestabile. Si ritiene che attraverso sforzi congiunti, entrambe le parti saranno in grado di colmare rapidamente i “tre anni persi” a causa della pandemia.

Tuttavia, le relazioni Cina-UE affrontano ancora molte difficoltà e sfide che richiedono sforzi congiunti per essere superate.

La Cina guarda alle relazioni con l’UE da una prospettiva strategica e a lungo termine e ha sempre considerato l’UE come un partner strategico globale. Ci auguriamo anche che la parte europea possa stabilire una percezione razionale, oggettiva e realistica della Cina, guardando alle relazioni da una prospettiva di “partner” e abbandonando la mentalità di considerare la Cina come un “concorrente” o un “rivale sistemico”. Entrambe le parti dovrebbero lavorare insieme per implementare tempestivamente il consenso raggiunto in questo Vertice, iniettare più energia positiva nelle relazioni Cina-UE e rimuovere difficoltà e intralci per la cooperazione Cina-UE.

Come pensa che il vertice tra Cina e Stati Uniti a San Francisco influenzerà le relazioni Cina-UE? Come valuta lo sviluppo futuro delle relazioni Cina-UE?

La comunità internazionale ha prestato molta attenzione e ha valutato positivamente l’incontro al vertice a San Francisco tra i capi di Stato cinese e statunitense. Ciò dimostra pienamente che migliorare le relazioni tra Cina e Stati Uniti serve non solo agli interessi fondamentali dei popoli di entrambi i Paesi, ma è anche in linea con gli interessi comuni dei Paesi di tutto il mondo.

Cina ed Europa sono due forze indipendenti di rilievo nel mondo, con ampi consensi strategici e interessi comuni. Il rafforzamento della cooperazione Cina-UE è una scelta strategica basata sugli interessi rispettivi, non mirata, dipendente o limitata da una terza parte.

La politica della Cina nei confronti dell’Europa rimane stabile nel lungo termine, considerando sempre l’Europa come un partner strategico globale. Nell’attuale situazione internazionale complessa e interconnessa, la significatività strategica e l’impatto globale delle relazioni Cina-UE sono più evidenti, riguardando la pace, la stabilità e la prosperità mondiale, e devono essere ben mantenute e sviluppate. Questo è anche il consenso primario dell’ultimo Vertice Cina-UE.

Attualmente, le relazioni Cina-UE si trovano a un nuovo punto di partenza. Rispetto alle relazioni Cina-Stati Uniti, le relazioni Cina-UE hanno una storia più lunga, maggiori consensi e meno disaccordi. Purché si aderisca al rispetto reciproco e ci si opponga all’egocentrismo, si insista sul dialogo e sulla consultazione, contro la confrontazione e il conflitto, e si mantenga la cooperazione aperta, opponendosi al decoupling e alle interruzioni delle catene di approvvigionamento, le relazioni Cina-UE sicuramente supereranno varie difficoltà e continueranno a raggiungere nuove vette. Sono fiducioso nel futuro delle relazioni Cina-UE.

Lo sviluppo delle relazioni Cina-UE affronta anche alcune divergenze. Alcune voci sottolineano unilateralmente l’aspetto competitivo tra Cina ed Europa, definendo persino la Cina e l’Europa come “rivali sistemici” e sostenendo il “de-risking” e la “riduzione della dipendenza” dalla Cina. Pensa che le differenze tra Cina ed Europa siano state esagerate dal mondo esterno?

Cina ed Europa, con diverse tradizioni storiche e culturali e sistemi sociali, hanno naturalmente visioni divergenti e disaccordi su alcune questioni. Tuttavia, come ha dichiarato il Presidente Xi Jinping, non dovremmo considerarci reciprocamente come rivali solo perché i nostri sistemi sono diversi, ridurre la cooperazione perché esiste la competizione, o impegnarci in uno scontro perché ci sono disaccordi.

In realtà, qualsiasi osservatore obiettivo e razionale può vedere che Cina ed Europa, a diverse fasi di sviluppo, hanno economie altamente complementari. La cooperazione tra di loro supera di gran lunga la competizione, e il consenso è molto maggiore del disaccordo. Negli anni, l’UE ha tratto enormi benefici dalla cooperazione con la Cina, avanzando potentemente il proprio sviluppo attraverso questa cooperazione. Il mercato cinese è diventato una fonte primaria di profitti globali per molte aziende europee. Dovremmo concentrarci sull’aggiunta di valore e sul rafforzamento dei legami della comunità di interessi condivisi tra Cina ed Europa attraverso una cooperazione più profonda e ampia. Ciò si allinea agli interessi di entrambe le parti e alle aspettative della comunità internazionale.

La recente indagine anti-sovvenzioni sui veicoli elettrici cinesi ha suscitato una forte insoddisfazione anche nell’industria cinese. Crede che ci sia una differenza sostanziale tra il concetto di “de-risking” e “decoupling”? L’UE ha comunicato pienamente con la Cina a livello di attuazione delle politiche?

Comprendiamo che tutte le parti abbiano le proprie preoccupazioni, ma è cruciale definire e prevenire i rischi in modo appropriato. Ci opponiamo alla geopoliticizzazione, all’ideologizzazione e alla generalizzazione del concetto di sicurezza delle questioni economiche, che trasformano il concetto di “de-risking” in un sinonimo di “decoupling e interruzione delle catene di approvvigionamento”.

La globalizzazione economica ha intrecciato le economie mondiali così intricatamente che la mancanza di cooperazione è il rischio più grande, e la mancanza di sviluppo è l’insicurezza più grande. Attualmente, la Cina sta promuovendo uno sviluppo di alta qualità e un elevato livello di apertura. Mentre la modernizzazione cinese avanza, i Paesi di tutto il mondo stanno cogliendo le opportunità di cooperazione con la Cina per condividere i dividendi dello sviluppo. Se l’UE dovesse perseguire ciecamente il “de-risking” e la “riduzione della dipendenza” dalla Cina, sarebbe come legare le proprie mani e i propri piedi, pagando inevitabilmente il prezzo per azioni contrarie alle leggi economiche.

La parte cinese ha espresso le proprie preoccupazioni riguardo al “de-risking” dell’UE e alle politiche economiche e commerciali restrittive, compresa l’indagine anti-sovvenzioni dell’UE sui veicoli elettrici cinesi, durante l’ultimo incontro tra i leader Cina-UE. La parte dell’UE ha dichiarato ripetutamente di non voler staccarsi dalla Cina o chiudersi in sé stessa e di voler rispettare le regole dell’OMC e i principi di una concorrenza leale. Sollecitiamo l’UE a rispettare questi impegni, a mantenere mercati aperti per il commercio e gli investimenti e a fornire un ambiente aziendale equo e non discriminatorio per le imprese cinesi.

Recentemente, la Lituania ha affermato che la Cina ha revocato il suo divieto commerciale sulla Lituania prima dell’incontro tra i leader Cina-UE. Può confermare questa notizia? Qual è il suo commento al riguardo?

In definitiva, la questione è stata creata dalla parte lituana. La Cina agisce costantemente in conformità con le regole dell’OMC e affronterà le questioni basandosi su tali regole.

Gentile Lettore, ogni commento agli articoli de l'Opinione Pubblica sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. La preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non alimentare discussioni polemiche e personali, mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi la preghiamo di rivolgersi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@opinione-pubblica.com.

Inserisca il suo commento
Inserisca il Suo nome