Cina e Canada sono impegnati in un raro conflitto diplomatico di alto profilo, in seguito al quale martedì Pechino ha dichiarato un console del Consolato Generale del Canada a Shanghai come persona non grata e ha chiesto al diplomatico canadese di lasciare la Cina entro il 13 maggio, una necessaria e legittima contromisura in risposta alla mossa irragionevole da parte canadese di sbandierare “l’interferenza della Cina” ed espellere un diplomatico cinese.

Alcuni osservatori cinesi sottolineano che è una mossa rara per la Cina espellere un diplomatico straniero, ma il Canada sembra essere diventato una delle principali forze anti-cinesi nella piccola cricca guidata dagli Stati Uniti. La sua politica nei confronti della Cina è diventata ancora più conflittuale di quella di Washington, il che ha trascinato le relazioni Canada-Cina nel gelo profondo. Le attuali ondate anti-cinesi nella politica e nell’opinione pubblica canadesi potrebbero essere viste come una versione canadese del maccartismo nel 21° secolo, evidenziando appieno la mancanza di visione strategica e continuità della politica cinese di Ottawa, hanno detto alcuni osservatori.

In risposta all’irragionevole espulsione di un diplomatico cinese, il ministero degli Esteri cinese ha annunciato martedì che il console del Consolato Generale del Canada a Shanghai è stato designato persona non grata e gli è stato chiesto di lasciare la Cina entro il 13 maggio.

Il 9 maggio il governo canadese ha dichiarato persona non grata un diplomatico del consolato generale cinese a Toronto. La Cina condanna fermamente e si oppone fermamente a questo e ha presentato serie iniziative e una vibrante protesta nei confronti del Canada, ha detto martedì un portavoce del ministero degli Esteri cinese.

Come contromisura reciproca in reazione alla mossa del Canada, la Cina ha dichiarato persona non grata Jennifer Lynn Lalonde, console del Consolato Generale del Canada a Shanghai, a cui è stato chiesto di lasciare la Cina entro il 13 maggio. E la Cina si riserva il diritto di prendere ulteriori misure, ha aggiunto il portavoce.

Il ministro degli Esteri canadese ha reso nota lunedì l’espulsione del diplomatico cinese Zhao Wei dopo giorni di pressioni da parte dei partiti di opposizione, che hanno accusato Zhao di aver preso di mira la famiglia del deputato conservatore Michael Chong che vive a Hong Kong, secondo quanto riportato dai media canadesi.

Commentando la decisione di dichiarare il diplomatico canadese a Shanghai persona non grata, Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha dichiarato martedì in una conferenza stampa che, ignorando le serie iniziative della Cina, il Canada ha dichiarato apertamente il diplomatico cinese persona non grata sulla base della presunta ingerenza del gigante asiatico nei suoi affari interni. La Cina condanna fermamente e si oppone fermamente a tutto questo.

La Cina non ha mai interferito negli affari interni di altri Paesi. La cosiddetta interferenza cinese negli affari interni del Canada è una totale assurdità, una calunnia contro la Cina e una manipolazione politica basata sull’ideologia. L’ultima mossa della parte canadese viola le norme di base che regolano le relazioni internazionali e mina deliberatamente le relazioni Cina-Canada, che sono di pessima natura, ha attaccato Wang.

Questo è necessario affinché la Cina salvaguardi i suoi legittimi diritti e interessi. [La contromisura] è del tutto legittima e necessaria”, ha ribadito.

“Versione canadese del maccartismo”

Quest’anno ricorre il 100° anniversario del famigerato Chinese Exclusion Act del Canada, sulla cui storia il Paese nordamericano avrebbe dovuto riflettere. Tuttavia, il Canada ha esplicitamente o implicitamente elencato la Cina come un Paese ostile, scatenando ondate di ostilità nella sua pubblicità, indagine e persino legislazione contro la cosiddetta ingerenza della Cina in Canada, Yao Peng, vice segretario generale del Centro di Studi Canadesi dell’Accademia cinese delle scienze sociali, ha riferito martedì al Global Times.

È come una versione canadese di una tendenza maccartista del 21° secolo che prende di mira la Cina”, ha spiegato Yao, il quale ha sottolineato che la caccia alle streghe contro i politici e gli elettori sino-canadesi basata su accuse infondate potrebbe favorire condizioni di esclusione, ostilità e persino persecuzione delle persone di discendenza cinese da parte dell’intera società e del popolo canadese.

Alcuni media canadesi, citando i cosiddetti documenti riservati e una fonte di sicurezza anonima, hanno rivelato che l’agenzia di intelligence cinese ha pianificato di colpire Chong e i suoi parenti con sanzioni per aver votato nel febbraio 2021 una mozione che condannava la politica cinese nella regione dello Xinjiang come “genocidio”.

Altri hanno anche lanciato accuse contro i cinesi-canadesi, accusandoli di fare pressioni sui diplomatici cinesi per guadagni politici di parte, che si sono evoluti in una serie di discussioni sulla cosiddetta interferenza della Cina nelle “democrazie occidentali avanzate”, secondo i resoconti dei media.

La ragione fondamentale per cui il Canada ha fatto queste accuse infondate contro la Cina è che il Paese ha migliorato il suo coordinamento strategico con gli Stati Uniti, e questa espulsione potrebbe segnare l’inizio di una serie di mosse tit-for-tat”, ha affermato Li Haidong, professore presso l’Università Cinese di Affari Esteri, intervistato martedì dal Global Times.

Poiché la politica cinese del Canada sembra destinata a diventare sempre più conflittuale, non ci sarà alcun cambiamento nel suo processo decisionale politico e la sua politica nei confronti della Cina sembra essere sull’orlo di una spirale discendente, seguendo una traiettoria simile alla politica cinese degli Stati Uniti degli ultimi anni, ha detto Li.

“Rispondere con decisione e forza”

Alcuni osservatori ritengono che l’espulsione dei diplomatici sia un atto sconsiderato raramente utilizzato dai Paesi, perché la pratica diplomatica internazionale è stata a lungo una pratica di ritorsioni reciproche. Questo rende l’espulsione dei diplomatici quasi come una dichiarazione di inimicizia con la controparte.

Tuttavia, la Cina non è la parte che intende intensificare la situazione, dato che la sua reazione è razionale ma potente, hanno affermato. Dipende anche da come reagirà la parte canadese, se peggiorerà ulteriormente la situazione o tenterà di limitare i danni.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang ha dichiarato alla conferenza stampa che “non esiteremo nella nostra determinazione a sostenere gli interessi della Cina. Esortiamo il Canada a interrompere immediatamente la sua provocazione. Se il Canada decide di continuare il suo atto sfrenato, la Cina reagirà con fermezza e tutte le conseguenze che ne deriveranno dovranno essere subite dal Canada”.

A seguito della mossa di contenimento dannosa degli Stati Uniti, le relazioni Canada-Cina hanno continuato a registrare una tendenza al ribasso, soprattutto dopo l’incidente che ha coinvolto Meng Wanzhou di Huawei, e non vi è alcun segno di miglioramento, ha affermato Yao. “Anche quando alcuni dei principali Paesi europei hanno cercato di migliorare i legami con la Cina, il Canada è stata una delle principali forze anti-cinesi”, ha affermato.

Indubbiamente, la posizione anti-cinese del Canada è stata peggiore di quella degli Stati Uniti, il che rende gelide le attuali relazioni Cina-Canada, ha affermato Yao.