Giuseppe Sala Primarie Milano

Giuseppe Sala è ufficialmente il candidato sindaco del centrosinistra che correrà per la amministrative di giugno. L’ex ad di Expo ha ottenuto, infatti, ben il 42%. Battuta Francesca Balzani, seconda con il 34%, seguono Majorino (23%) e Iannetta (0-4%). Dunque, come da previsione, il candidato di Renzi ne è uscito vittorioso.

Sala subito dopo la vittoria ha tenuto un discorso sul palco del teatro milanese Elfo Puccini: “Mi impegno con voi a non deludere tutto questo entusiasmo e questa passione – ha aggiunto Sala – farò come ho sempre fatto in questi anni con grande impegno e senso della squadra, perché non ho mai vissuto con l’idea che un uomo solo può vincere le battaglie difficili”. Sala ha invitato tutti, “perdenti” inclusi, a unire le forze per poter superare l’ultimo scoglio delle amministrative di giugno: “Non dobbiamo disperdere le energie, dobbiamo lavorare insieme e andare a vincere a giugno”.

Francesca Balzani, dopo il testa a testa perso, ha affermato con rammarico: ” Faccio i miei complimenti a Beppe Sala per la vittoria – e ha aggiunto- quanto a me, ho ricevuto più di quello che ho dato”. Balzani che, durante il suo discorso, ha rimproverato implicitamente Majorino per il mancato ticket : “La porta é sempre stata aperta – sostiene la Balzani – gli ho più volte ripetuto che mi sarebbe piaciuto condividere un progetto comune”. C’è da dire che, unendo le forze, e non dividendosi l’elettorato, i due insieme si sarebbero potuti avvicinare a Sala. Forse, da questo punto di vista, il mancato ticket risulta essere una mossa goffa e poco razionale. Majorino alla fine si è detto comunque felice di quanto raggiunto e ha aggiunto:” adesso non ha senso pensare a quello che è stato, dobbiamo concentrarci sulle amministrative”. Insomma, a parole, sembrano essere tutti d’accordo: l’obbiettivo comune è vincere a giugno.

Anche Renzi ci ha tenuto a fare i complimenti al suo candidato: “in bocca al lupo e complimenti a Bebbe. Ringrazio tutti coloro che hanno votato – ha detto il premier – i militanti e i volontari che hanno lavorato ai gazebo e i candidati che si sono confrontati sul futuro di questa grande città”. Renzi e Sala devono aver sudato freddo in questi giorni a causa dei sondaggi che davano la Balzani sempre più in crescita. C’è da dire che all’inizio nessuno ci credeva, Sala era dato già per vincitore. Partendo da zero la Balzani ha raggiunto comunque un ottimo risultato perdendo di “appena” 5000 voti. L’attuale sindaco milanese Giuliano Pisapia si è unito alla festa complimentandosi con Sala per la sua “bella vittoria”. Pisapia sarà da una parte inevitabilmente amareggiato per la sconfitta della sua beniamina. Tuttavia, amarezza a parte, si è detto ” felice e soddisfatto di quanto fatto dalla Balzani”. E poi ha concluso il discorso auspicando a una vittoria per le prova finale di giugno: “Con un elettorato che dà un forte segnale a sinistra non può non esserci continuità – ha concluso – Sono state primarie partecipare e combattive.Ne sono convinto, vinceremo anche a giugno. E l’appuntamento è in questa sala per festeggiare”.

Sala adesso se la vedrà con Stefano Parisi, candidato del centrodestra. Il candidato del centrosinistra si prepara dunque ad un altro testa a testa, che promette meno spettacolo di quello delle primarie. Sala, anche a causa della poca notorietà del candidato avversario, sembrerebbe avere la strada spianata verso la vittoria finale. Le amministrative saranno, probabilmente, solo una formalità: la vera vittoria è quella di domenica